2CV Club Italia - Forum

Autore Topic: VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv  (Letto 123852 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Dany

  • Colonna
  • ****
  • Post: 2173
 (felice)

Se vuoi fare l'autostrada devi comprare la "vignette" (la puoi comprare in dogana alla frontiera);
se invece fai le statali non è necessaria...
Sometimes you're the windshield, sometimes you're the bug
(certe volte sei il parabrezza, certe volte sei il moscerino)
Mark Knopfler

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
NO, basta solo che non prendi l'autostrada (police1)

Ti allego un link con i tratti a pagamento https://www.ch.ch/it/contrassegno-autostradale/ clicca dove c'è scritto Mappa delle strade nazionali a pagamento  (su)

Ricordati che in Svizzera le autostrade sono indicate come da noi con i cartelli VERDI, ma in Francia è il contrario sono BLU  ???

 (felice)
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Offline i love mafalda

  • Colonna
  • ****
  • Post: 1305
per ora non posso che dirvi grazie  (felice)
massimo

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
Prego, ma ricordati di documentare il viaggio e di aprire un tuo 3D in cui al ritorno ci mostrerai foto e commenti, NEH  :)

Buon viaggio  (guid)  (felice)
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Offline SCARABEO

  • Colonna
  • ****
  • Post: 1466
  • Ul paletò de legn el gà no i sacòcc
passando dalla svizzera devo fare la vignetta ?
grazie

si, per le autostrade è obbligatoria.
Ma costa esattamente come un passaggio di sola andata sotto il Frejus o il Bianco e vale un anno intero e con quanti passaggi vuoi anche sotto il San Gottardo ! (quindi se rientri dalla medesima via sei apposssssto) (superok)
www.citroen.page.tl  -  Ottimista è colui che vede nella grandine l'inizio di un grande Mojito - Franco

Offline bibino59

  • Colonna
  • ****
  • Post: 539
  • ...




@bibino59  Non voglio mettere in dubbio le tue parole, ma sei sicuro di ricordare bene la salita al Moncenisio.... perchè non mettere la prima io non sono proprio riuscito (specialmente il tratto di Gravere), complimenti  (appl)  (su)  (abbraccio)

 (felice)

...già, proprio per quello lo ricordo: non  ci credevo neanche io!
E alla fine del viaggio (10 gg Napoli - Parigi - Napoli) media generale di consumo: oltre 17 klm/l (stupid)
Sarà perchè l' Eola allora aveva 2 anni di vita e 20.000 km...
Anche loro sono state giovani, un tempo (sorpreso)
Uno che si diverte a guidare una 2cv NON PUO' essere cattivo.

La cosa più preziosa che abbiamo in assoluto è il tempo. I soldi vanno e vengono, se ce li rubano li possiamo anche rifare; il tempo va solo e non ritorna. E soprattutto nessuno di noi può' sapere quanto ne ha a disposizione.  R.G.

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
Si hai ragione, uno non ci pensa, ma anche le nostre bicilindriche invecchiano  ;D

Bè, ora se tornassi qui non credere di rifare la salita senza mettere la 1°, neh  (stupid)


 (appl) (felice)



P.S. ho letto il consiglio di Scarabeo ed in effetti non ha poi tutti i torti, la vignette dura fino a gennaio 2016 e visto che tu sei milanese, magari un'altro giro in svizzera lo farai, potrebbe essere un'idea interessante, l'unico problema è che per andare in Normandia, passare dal passo del San Gottardo si allunga il tragitto  (nonso)
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Offline SCARABEO

  • Colonna
  • ****
  • Post: 1466
  • Ul paletò de legn el gà no i sacòcc
.....
l'unico problema è che per andare in Normandia, passare dal passo del San Gottardo si allunga il tragitto  (nonso)

Partendo da Milano non ne sono sicuro.
Da Milano cosa fai ? il Bianco ? il Frejus ?
Poi vai comunque verso Lione e sali verso Parigi, giusto ?
Spendi almeno il doppio in autostrade.
Ogni tanto mi capita, tornando da Parigi, ma ogni volta mi dico che mi costa decisamente troppo.

Dal San Gottardo, oltre a non pagare autostrada per 300km di andata e 300 di ritorno Tunnel incluso 2 volte (tutto a 35€),
arrivi in Alsazia, che è bellissima, poi decidi se virare a sinistra, verso Parigi, o andare diritto verso Colmar, Nancy, Reims.
Evitando così la periferia di Parigi che è notoriamente sempre incasinata

Non so, se partendo da Milano sia davvero più lunga.

ALT !!!
Google MAp mi dice:
- Milano - Le Havre 1050 km via Bianco
- Milano - Le Havre 1100 km via Frejus
- Milano - Le Havre 1105 km via San Gottardo - Alsazia - Nancy - Reims
Quest'ultima ha quasi 300 km di superstrada gratuita tra Colmar e Reims ed è quella che io faccio quasi sempre
www.citroen.page.tl  -  Ottimista è colui che vede nella grandine l'inizio di un grande Mojito - Franco

Offline bibino59

  • Colonna
  • ****
  • Post: 539
  • ...

Bè, ora se tornassi qui non credere di rifare la salita senza mettere la 1°, neh  (stupid)


 (appl) (felice)





...per carità, non potrei chiederle tanto . Eola (Beige Nevada ) non c'è più, se ne andò un grigio giorno del '94 a soli 15 anni di età e 150.000 km...
 Ed Eola seconda (Bleu Lagune) ha sul groppino ben  32 primavere!!!
Uno che si diverte a guidare una 2cv NON PUO' essere cattivo.

La cosa più preziosa che abbiamo in assoluto è il tempo. I soldi vanno e vengono, se ce li rubano li possiamo anche rifare; il tempo va solo e non ritorna. E soprattutto nessuno di noi può' sapere quanto ne ha a disposizione.  R.G.

Offline i love mafalda

  • Colonna
  • ****
  • Post: 1305
.....
l'unico problema è che per andare in Normandia, passare dal passo del San Gottardo si allunga il tragitto  (nonso)

Partendo da Milano non ne sono sicuro.
Da Milano cosa fai ? il Bianco ? il Frejus ?
Poi vai comunque verso Lione e sali verso Parigi, giusto ?
Spendi almeno il doppio in autostrade.



Ogni tanto mi capita, tornando da Parigi, ma ogni volta mi dico che mi costa decisamente troppo.

Dal San Gottardo, oltre a non pagare autostrada per 300km di andata e 300 di ritorno Tunnel incluso 2 volte (tutto a 35€),
arrivi in Alsazia, che è bellissima, poi decidi se virare a sinistra, verso Parigi, o andare diritto verso Colmar, Nancy, Reims.
Evitando così la periferia di Parigi che è notoriamente sempre incasinata

Non so, se partendo da Milano sia davvero più lunga.

ALT !!!
Google MAp mi dice:
- Milano - Le Havre 1050 km via Bianco
- Milano - Le Havre 1100 km via Frejus
- Milano - Le Havre 1105 km via San Gottardo - Alsazia - Nancy - Reims
Quest'ultima ha quasi 300 km di superstrada gratuita tra Colmar e Reims ed è quella che io faccio quasi sempre

grazie SCA.. effettivamente e' da valutare bene
massimo

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
In effetti devo aver calcolato il viaggio da Torino....

... ho verificato anche con viamichelin, che ti indica pure il costo del viaggio (pedaggi e benzina) ed in effetti l'idea della vignette e del transito per la Svizzera non è poi da buttare via.... ANZI


Milano - Mont Saint Michel

dal bianco1193 km   12h32'   288 €
dal frejus1181 km   13h33'   275 €
dal gottardo1191 km   13h37   227 €

Ovviamente i tempi di percorrenza non sono per 2cv (zz), ma in effetti passare dalla Svizzera conviene (però la benzina falla in Francia è meno cara, neh  (stupid))


 (spett) e poi se per caso passi da Scarabeo, puoi prendere l'autostrada a gratttis e ti fai offrire una birra gelata, che ha il frigo rifornito  ;D

è mi raccomando non chiedergli l'accendino per aprire il tappo, perchè li da loro si svita  (noncicredo)


 (su) (abbraccio) (felice)
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Offline SCARABEO

  • Colonna
  • ****
  • Post: 1466
  • Ul paletò de legn el gà no i sacòcc
.....per aprire il tappo, perchè li da loro si svita  (noncicredo)


Questa cosa ti ha colpito ?
Vero ?

 (abbraccio) (abbraccio)
www.citroen.page.tl  -  Ottimista è colui che vede nella grandine l'inizio di un grande Mojito - Franco

Offline Paolon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3440
  • paolon
Re: VIAGGIARE : Leggo Tucci e penso agli Zoccoli in Viaggio in carovana
« Risposta #132 il: 15 Agosto 2016, 11:24:05 am »
2016-08
CAROVANE
leggo Tucci e penso agli Zoccoli in viaggio

Cito  da
Giuseppe Tucci, "IL PAESE DELLE DONNE DAI MOLTI MARITI", Ed. Neri Pozza, Vicenza, 2005.

"La vita di carovana ha per me un fascino grande: è una parentesi di quiete in questa tumultuosa irrequietezza che oggi impera sull'Occidente.

E' quasi un riscoprire in fondo a noi l'uomo primitivo nella sua spontanea sincerità;
è un ritrovare quell'io più profondo di cui il molto sapere ed il poco meditare, il troppo discorrere e lo scarso tacere ci tolgono spesso la coscienza immediata.

Qui fra noi la velocità della corsa ci trasporta da scenario a scenario e le visioni vengono e vanno, fugaci come un sogno:

nella vita di carovana non c'è particolare che passi inosservato: ogni gola di monte, ogni macchia di verde, ogni svolto della strada che faticosamente si conquista, tutto s'imprime ben chiaro e preciso nella memoria.

E i carovanieri sono i vostri compagni coi quali vi ritrovate da mattina a sera, affratellati da quell'amicizia che comunanza di rischi e di disagi suole sempre produrre". (pag. 19-20)”



La citazione di Giuseppe Tucci, orientalista ed esploratore marchigiano, massimo studioso della civiltà tibetana della sua epoca, si riferiscono alla sua spedizione del 1931.

La dedico agli “Zoccoli Duri” che so in viaggio fra il Mediterraneo e Cereglio,
e a quanti amano, nel viaggio, ritrovarsi alla sera, nomadi, in un improvvisato CaraVanSerraglio
 fatto di cibo, bevande, storie, emozioni da raccontare e condividere
in un clima unico, provvisorio, precario
ma, sotto le stelle, vero.




FORUM:ormai parte della "Nostra Storia"
Tenerlo in vita, scrivere, collaborare, è anche dire"grazie" a chi lo ha progettato, realizzato, migliorato, difeso in tutti questi anni

Offline Paolon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3440
  • paolon
Re:VIAGGIARE & Fotografare, documentare, raccogliere by paoloN
« Risposta #133 il: 12 Settembre 2016, 13:33:06 pm »

Immagini, stampe, documenti, fotografie, filmati, registrazioni, appunti, cartoline
per rinnovare un’Emozione
e trovarne delle altre
            rimaste nascoste dal rumore del momento.

Documentare un Sentimento per riviverlo nel tempo
fino a farlo parte del tuo modo d’essere
e di viverti nel quotidiano.

L’Arte sta cosi nella capacità di fare Emozionare prima di tutto se stessi
e rinnovare qualche cosa che
                        se ben vissuto nel Passato
ci aiuti nel farci ancora Sperare qualcosa
                        nel Presente

                                                                                                                    fotografare per paoloN

dall'introduzione al prossimo video sul raduno degli Zoccoli 2016

FORUM:ormai parte della "Nostra Storia"
Tenerlo in vita, scrivere, collaborare, è anche dire"grazie" a chi lo ha progettato, realizzato, migliorato, difeso in tutti questi anni

Offline Paolon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3440
  • paolon
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti da Kundera "LA LENTEZZA"
« Risposta #134 il: 18 Ottobre 2016, 14:11:07 pm »

da «LA LENTEZZA», di Milan Kundera   
.
« Sono al volante e osservo, nello specchietto retrovisore, una macchina dietro di me.
La freccia di sinistra lampeggia e tutta la macchina emette onde di impazienza.
Il guidatore aspetta il momento giusto per superarmi; spia questo momento come un rapace che fa la posta a un passero.
Mi moglie Vera mi dice:
«Sulle strade francesi ogni cinquanta minuti muore un uomo. Guardali tutti questi pazzi che corrono accanto a noi. Sono gli stessi che sanno essere così straordinariamente prudenti quando sotto i loro occhi viene scippata una vecchietta.
Com'è possibile che quando guidano non abbiano paura?».

Che cosa rispondere?
Questo, forse: che l'uomo curvo sulla sua motocicletta è tutto concentrato sull'attimo presente del suo volo;
egli si aggrappa ad un frammento di tempo scisso dal passato come dal futuro; si è sottratto alla continuità del tempo;
è fuori del tempo; in altre parole, è in uno stato di estasi;
in tale stato non sa niente della sua età, niente di sua moglie, niente dei suoi figli, niente dei suoi guai, e di conseguenza non ha paura, poiché l'origine della paura è nel futuro, e chi si è affrancato dal futuro non ha più nulla da temere.

La velocità è la forma di estasi che la rivoluzione tecnologica ha regalato all'uomo.
A differenza del motociclista, l'uomo che corre a piedi è sempre presente al proprio corpo, costretto com'è a pensare continuamente alle vesciche, all'affanno;
quando corre avverte il proprio peso e la propria età, ed è più che mai consapevole di se stesso e del tempo della sua vita.

Ma quando l'uomo delega il potere di produrre velocità a una macchina, allora tutto cambia: il suo corpo è fuori gioco, e la velocità a cui si abbandona è incorporea, immateriale – velocità pura in sé e per sé, velocità-estasi.

... Perché è scomparso il piacere della lentezza?
Dove mai sono finiti i perdigiorno di un tempo?
Dove sono quegli eroi sfaccendati delle canzoni popolari, quei vagabondi che vanno a zonzo da un mulino all'altro e dormono sotto le stelle?
Sono scomparsi insieme ai sentieri tra i campi, insieme ai prati e alle radure, insieme alla natura?

Un proverbio ceco definisce il loro placido ozio con una metafora: essi contemplano le finestre del buon Dio.
Chi contempla le finestre del buon Dio non si annoia; è felice.

Nel nostro mondo, l'ozio è diventato inattività, che è tutt'altra cosa: chi è inattivo è frustrato, si annoia, è costantemente alla ricerca del movimento che gli manca».

E il nostro “andare in 2CV” assomiglia di più a quello del motociclista,o al perdigiorno, al vagabondaggio, a chi cammina lento?
FORUM:ormai parte della "Nostra Storia"
Tenerlo in vita, scrivere, collaborare, è anche dire"grazie" a chi lo ha progettato, realizzato, migliorato, difeso in tutti questi anni

Offline Paolon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3440
  • paolon
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni ..... da zia Anita!
« Risposta #135 il: 20 Ottobre 2016, 10:22:56 am »

Zia, mi permetto di mettere la tua immagine qua. Consenti??




 
FORUM:ormai parte della "Nostra Storia"
Tenerlo in vita, scrivere, collaborare, è anche dire"grazie" a chi lo ha progettato, realizzato, migliorato, difeso in tutti questi anni

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #136 il: 20 Ottobre 2016, 11:39:07 am »
permessi & consensi con la zia non servono (su)
è una foto trovata in rete e qui, mi sembra davvero un bel posto per metterla,
bravo.

ora ve ne metto un'altra. spero le piaccia.


non dirmi quanti anni hai o quanto sei educato o colto.
dimmi dove hai viaggiato....

maometto
evitate le maiuscole...

Offline Dany

  • Colonna
  • ****
  • Post: 2173
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #137 il: 20 Ottobre 2016, 12:20:10 pm »
 (felice)

stamattina quando ho visto l'immagine postata dalla Zia riflettevo su una parte di quella frase:

"Incontrare l'altro"

Per incontrare l'altro - altro inteso nel senso di persone nuove, che vivono nel luogo in cui sto viaggiando - io ho bisogno di essere solo. Se sono in compagnia di altri, di amici, non riesco a concentrarmi sull'altro.

E' un mio limite ma è il motivo per cui per me un viaggio in un posto a me sconosciuto, se voglio incontrare persone e non solo vedere bei posti, è un viaggio solitario.
Sometimes you're the windshield, sometimes you're the bug
(certe volte sei il parabrezza, certe volte sei il moscerino)
Mark Knopfler

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #138 il: 20 Ottobre 2016, 12:41:25 pm »
le modalità di viaggio sono personali.

da soli, si è più connessi con quello che si sta vivendo.
in compagnia, ci sono emozioni subito condivisibili, ricordi che poi si portano a casa assieme.


l'altro, è inteso anche come modo di vivere, modi & tradizioni
usanze & costumi.
essere altrove mi è sempre piaciuto.
scrivevo proprio stamattina ad una amica una frase che ho letto qualche giorno fa....
e sono sicuro di poterla scrivere senza problemi.

ogni 100 metri, il mondo cambia...
evitate le maiuscole...

Offline claudyane6

  • Colonna
  • ****
  • Post: 7392
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #139 il: 20 Ottobre 2016, 12:52:04 pm »
che cambi rapidamente ne sono conscio ma 100 metri mi sembrano pochini, di sicuro cambia la prospettiva

ma aggiungerei anche ogni 100 minuti il mondo cambia.......

l'altro per me è semplicemente tutto il resto....

son punti...... di vista

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #140 il: 20 Ottobre 2016, 12:54:32 pm »
ogni 100 minuti.....
interessante claudyane, davvero.

in quel caso anche stando sul posto, ogni 100 minuti le cose attorno, cambiano.

la zia, migliora ogni 50' (stupid)
evitate le maiuscole...

Offline Pier Le Blanc

  • Colonna
  • ****
  • Post: 808
  • Via col vento
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #141 il: 20 Ottobre 2016, 22:07:28 pm »
Ah la lentezza che non c'è più, sparita come i sentieri dei campi (dice bene Kundera), perduta come una gemma nel pantano. La lentezza è l'arte, credo, della contemplazione, è la luce dello sguardo che diventa acuto, è la carezza da dedicare al mondo. Oggi sembra merce avariata perché tutti siamo catturati dal vortice della fretta, da quello del lavoro che si è divorato quasi tutto il nostro tempo libero.
 
La lentezza si sposa con la disponibilità del tempo, non accetta di non avere tempo. E il tempo trova la qualità di molte cose. Oggi sembra che il tempo libero sia stato sacrificato senza rimpianti, scomparso dalla lista dei desideri. Ma non basta la lentezza, ci vuole equilibrio. La lentezza può diventare vizio, farsi anomala, sfociare nella deriva della pigrizia. Anche la lentezza ha le sue insidie.

Recentemente ho fatto un giretto in Sicilia, scandendo i miei passi nell'unica regola che ho e cioè quella di vedere e scoprire più cose possibili e così, nella voglia di vedere tutto, mi sono perso cose che avevo sotto il naso. Così la mia lentezza è andata fuori giri.   

Il viaggio può correre sempre in due direzioni.
C'è il grande viaggio nel piccolo spazio e c'è il piccolo viaggio nel grande spazio.
Se vuoi fare il grande viaggio nel grande spazio devi allungare il tempo, anzi devi dimenticarti che esiste.

Ogni cosa ha una sua dialettica.  Se ti sei perso l'orecchio di Dioniso a Siracusa, e hai consapevolezza di questa trascuratezza, una volta tornato a casa ti informerai per il meglio al suo riguardo e non lo dimenticherai più e, se ci sarà una prossima volta da quelle parti, sarà la prima cosa che andrai a vedere.

Il viaggio dunque ti rende edotto anche grazie alle cose che ti sei lasciato sfuggire  e queste, spesso, si fissano nella mente per sempre mentre quelle viste e stipate nella valigia dei ricordi, ormai traboccante, svaniscono perlopiù come miraggi della memoria.

 (felice)
"Non c'è nulla come la fretta che faccia perdere tempo"
"Non rompere le scatole a chi è felice"

Offline Paolon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3440
  • paolon
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni a SANT'ANNA di valdieri
« Risposta #142 il: 22 Ottobre 2016, 10:31:03 am »


 (felice)

FORUM:ormai parte della "Nostra Storia"
Tenerlo in vita, scrivere, collaborare, è anche dire"grazie" a chi lo ha progettato, realizzato, migliorato, difeso in tutti questi anni

Offline Paolon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3440
  • paolon
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni:un libro da scrivere per Bambini In Viaggio
« Risposta #143 il: 26 Ottobre 2016, 14:12:47 pm »










FORUM:ormai parte della "Nostra Storia"
Tenerlo in vita, scrivere, collaborare, è anche dire"grazie" a chi lo ha progettato, realizzato, migliorato, difeso in tutti questi anni

Offline Paolon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3440
  • paolon
Re:VIAGGIARE - So quando è l'ora di andarmene....
« Risposta #144 il: 28 Ottobre 2016, 11:09:20 am »

FORUM:ormai parte della "Nostra Storia"
Tenerlo in vita, scrivere, collaborare, è anche dire"grazie" a chi lo ha progettato, realizzato, migliorato, difeso in tutti questi anni

Offline claudyane6

  • Colonna
  • ****
  • Post: 7392
Re:VIAGGIARE - So quando è l'ora di andarmene....
« Risposta #145 il: 28 Ottobre 2016, 12:44:39 pm »

Offline Skassamakkinen

  • Colonna
  • ****
  • Post: 10192
  • Ci sono cose che nemmeno il Malox può spiegare.
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #146 il: 28 Ottobre 2016, 12:45:52 pm »
...'na sega..
La fretta è spreco.
Spreco, è ciotola spaccata che non avra MAI riso.

Offline Ludo

  • Colonna
  • ****
  • Post: 31794
  • molto spesso mi perdo e non voglio ritrovarmi
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #147 il: 28 Ottobre 2016, 12:46:37 pm »
...di niente.
La stupidità divora facce e nomi senza storia

Offline Skassamakkinen

  • Colonna
  • ****
  • Post: 10192
  • Ci sono cose che nemmeno il Malox può spiegare.
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti occasioni sconvolgimenti by paolon2cv
« Risposta #148 il: 28 Ottobre 2016, 12:47:08 pm »
 (muoio) (muoio) (muoio) (muoio) (muoio) (muoio)
La fretta è spreco.
Spreco, è ciotola spaccata che non avra MAI riso.

Offline Paolon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3440
  • paolon
Re:VIAGGIARE spunti idee riflessioni vissuti - il caso di Snooppy for de marrons
« Risposta #149 il: 28 Ottobre 2016, 23:19:45 pm »
...'na sega..

 genio!  (sorpreso) 
se muovi  a destra la barretta sotto l'immagine, Snooppy va fuori dei marrons  ;D  (muro)
FORUM:ormai parte della "Nostra Storia"
Tenerlo in vita, scrivere, collaborare, è anche dire"grazie" a chi lo ha progettato, realizzato, migliorato, difeso in tutti questi anni