2CV Club Italia - Forum

Autore Topic: Politiche di riduzione delle emissioni  (Letto 1117 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline lucajack2cv

  • Moderatore
  • Colonna
  • ****
  • Post: 5931
  • New Morning
Politiche di riduzione delle emissioni
« il: 03 Aprile 2007, 11:13:48 am »
In germania, Eckehart Rotter, portavoce della Lega dell'industria automobilistica tedesca (Vda) ha dichiarato:

«Nessun altro paese in Europa ha avuto una riduzione di CO2 così consistente»

«Solo per quel che riguarda il traffico automobilistico, dal 1999 sono state risparmiate 15 milioni di tonnellate di emissioni di CO2» e in termini percentuali ciò corrisponde a - 9%, come confermano le stime del governo.

"In realtà la riduzione sarebbe frutto di un ben poco lodevole fenomeno: il «turismo del pieno». Visto che dal 1999 il prezzo del carburante in Germania è appesantito dall'introduzione della tassa sull'ambiente, per risparmiare, molti automobilisti e autotrasportatori tedeschi fanno il pieno negli stati vicini - Austria, Lussemburgo, Polonia, Repubblica Ceca e Svizzera -, dove il costo della benzina è più contenuto, tra i 15 e i 25 centesimi al litro in meno.

L'effetto è duplice: da una parte le valutazioni sulle emissioni tedesche sono calcolate al ribasso; dall'altra, di conseguenza, la Germania scarica sui vicini parte della sua quota emissioni, essendo il sistema di calcolo delle emissioni imputabili al traffico su gomma fondato anche sul consumo di carburante.

Il ministro degli interni bavarese Günther Beckstein è ben cosciente del problema: «La riduzione di CO2 in Germania sta solo sulla carta», ha detto."

interessante anche questo passaggio:

"Anche la riduzione nel consumo di carburante dovuta allo sviluppo tecnologico dei motori, valutata in un - 25% dall'inizio degli anni '90 ad oggi, in realtà sarebbe ampiamente «rimangiata» dall'aumento dei cavalli e del peso delle vetture per sicurezza e confort. E nel bilancio non aiutano certo le nuove immatricolazioni di fuoristrada, salite del 16,5% nel 2006".

Oui nous sommes les barbariens de la route..
  Flying home to you..

Offline kaneda03

  • Colonna
  • ****
  • Post: 1697
Re: Politiche di riduzione delle emissioni
« Risposta #1 il: 03 Aprile 2007, 12:25:47 pm »
gia scritto di la' , riscrivo di qua'.....
il problema non é cosa muove la macchina,o quanto sia minore il suo impatto,ma perche' si muove.....
Se non sono io per me, chi sarà per me?
Se non così, come?
E se non ora, quando?”

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22225
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
Re: Politiche di riduzione delle emissioni
« Risposta #2 il: 10 Aprile 2007, 14:37:22 pm »
già risposto, ma voglio insistere  ;D

Citazione
ma perche' si muove.....

l'uomo nella sue evoluzione è passato dal camminare ad usare un mezzo che gli rendesse o più facile lo spostamento o più veloce.

penso al cavallo, poi la bicicletta, il treno a vapore ed infine l'auto.... certo se ci dovessimo spostare nell'ambito della propria città la bici sarebbe il mezzo migliore, ma quando uno va ad abitare a Giaveno e lavora a Settimo, con un mezzo deve pur muoversi, pubblico o privato ma un mezzo ci vuole.

La macchina o il bus o il treno a diesel, sono tutti mezzi che servono per lo spostamento, quindi per rispondere alla tua domanda.... si muove perchè serve per spostare le persone che lavorano e non abitano nelle vicinanze del posto di lavoro.  ;D

Ma forse la tua osservazione è più filosofica, forse dovremmo tornare indietro nel tempo e rivedere il nostro modo di vivere, smettere di correre, utilizzare quello che il nostro territorio ci offre, non importare beni che stanno a migliaia di chilometri di distanza (tipo l'acqua di Vinadio che si compra tranquillamente in Sicilia  :o) e vivere più a contatto con i nostri simili senza farci influenzare da questa panzanata della "libertà di muoversi" perchè sono i contatti umani che contano e non correre per il mondo alla ricerca di quello che c'è davanti a te  (vecchio)

... se è questo il concetto allora la macchina è un'invenzione del tutto inutile, basta il cavallo e la bici, al limite il treno superlento (vuoi mettere quante chiacchierate puoi farti con i tuoi compagni di viaggio su un treno che cammina lentamente nella campagna passando tra coltivazioni e antichi poderi  ;D)...

.. ma se non è questo che intendevi allora l'auto può veramente servire per avvicinare luoghi e persone lontane, l'IMPORTANTE è non considerarla un status symbol, ma un elettrodomestico e trasformarla per quello che io penso debba essere,  (guid) un oggetto piccolo e non inquinante che aiuta la mobilità.

Per tornare al primo post potremmo  mettere un bombola dietro ad ogni macchina che si riempie di PM10 o di CO2, una bombola piena di gas inquinanti, poi portarle tutte in una discarica e sotterrarle.... diventeremmo il primo paese al mondo ad emissione zero (muoio)

Watson che sogna l'auto del futuro o il futuro dell'auto O0
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi