rottura albero motore
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
Settembre 03, 2014, 01:40:23
Home Help Ricerca Calendario Login Registrati

+  2CV Club Italia - Forum
|-+  Tecnica 2CV e derivate
| |-+  Meccanica (Moderatori: guidowi, Gianni Gandini)
| | |-+  rottura albero motore
« precedente successivo »
Pagine: [1] Vai Gi Stampa
Autore
[EN] [PL] [ES] [PT] [IT] [DE] [FR] [NL] [TR] [SR] [AR] [RU]
Topic: rottura albero motore  (Letto 3053 volte)
pelikan
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1343



« il: Ottobre 09, 2009, 11:10:42 »

ho fatto le foto del mio vecchio albero motore rotto durante il mio viaggio in ferie.....se qualcuno vuole dare un giudizio....ma c' un per..le ho messe nella ezione foto: 2cv....non so metterele suul forum direttamente quindi metto la pagina:

http://www.2cvclubitalia.com/public/coppermine/displayimage.php?album=14&pos=45
Loggato

grande Superpippo!!
scanner79
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 10647



WWW
« Risposta #1 il: Ottobre 09, 2009, 11:25:19 »

Che impressione che fa!!! Shocked Shocked

Ora la domanda : come potuto succedere???

 
Loggato

Baci&Abbracci

http://digilander.libero.it/scanner79/nuova_pagina_1.htm

Diceva un famoso biologo: "Nel cervello ci sono circa 12 miliardi di cellule, ma c'e' tanta disoccupazione..."

Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidit umana, e non sono sicuro della prima.
Albert Einst
gio K 5000
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 2353



« Risposta #2 il: Ottobre 09, 2009, 12:10:22 »

Sticassi.... Shocked
Loggato

"liberiamo i telai marci!"

da zero a cento? in giornata....
pelikan
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1343



« Risposta #3 il: Ottobre 09, 2009, 13:33:23 »

Che impressione che fa!!! Shocked Shocked

Ora la domanda : come potuto succedere???

 






l'ho fatto vedere ad un paio di meccanici ed entrambi avrebbero affermarto che venuto a mancare  l'olio....o per via della pompa che non ha fatto il suo dovere o i fori dove passa l'olio otturati...poi andare a stabilire con esattezza sar difficile..forse Guido...comunque proprio una "bella" rottura!!!
Loggato

grande Superpippo!!
scanner79
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 10647



WWW
« Risposta #4 il: Ottobre 09, 2009, 14:57:51 »

Mi permetto di merle direttamente qui





Loggato

Baci&Abbracci

http://digilander.libero.it/scanner79/nuova_pagina_1.htm

Diceva un famoso biologo: "Nel cervello ci sono circa 12 miliardi di cellule, ma c'e' tanta disoccupazione..."

Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidit umana, e non sono sicuro della prima.
Albert Einst
Berto
Residente
***
Offline Offline

Posts: 162


presto che tardi !!!


« Risposta #5 il: Ottobre 09, 2009, 16:27:59 »


  Immagini scioccanti. . . . .     

Loggato
guidowi
Moderator
Colonna
*****
Offline Offline

Posts: 4405



« Risposta #6 il: Ottobre 09, 2009, 22:06:56 »

Per me se mancava l'olio si fondeva una bronzina.
Una rottura cos pu essere causata da un difetto d'origine come una soffiatura della fusione o un colpo o un contraccolpo sul volano.
Riprendere velocit in quarta col motore sottogiri ad esempi potrebbe causare sollecitazioni che portano a danni cos.
Loggato

GIGA34
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1432



« Risposta #7 il: Ottobre 10, 2009, 11:52:45 »

s' "tranciato" di netto, non mancava l'olio....... concordo con Guido, o una botta o fusione sfigata Wink

 
Loggato

CHI NON VOLA, NON VALE....... CHI VALE E NON VOLA E' UN VILE...... G.D'Annunzio
Andavo a Capri quando le Signore si atteggiavano come prostitute. Ho smesso di andare a Capri quando le prostitute si atteggiavano come Signore.  G.Agnelli
COIO3
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 4662


Franche Coquette


« Risposta #8 il: Ottobre 10, 2009, 16:59:42 »

Povera bestia, ha fatto una brutta fine!

Ho per le mani un albero che ha subito la stessa frattura nello stesso punto.




La biella che si vede in primo piano e' saldamente bloccata nella posizione in cui l'ho fotografata, ne' da li si riesce a muoverla; ci ho provato prendendola a martellate, ma ho smesso prima di farmi male seriamente.

Penso che la bronzina della biella lato ventola sia defunta mentre era in servizio, i detriti della suddetta non trovando via di fuga hanno cominciato ad azzufarsi fra di loro, prigionieri fra il piede di biella e il perno di manovella, producendo una frizione tale da fondere i due pezzi insieme.

E' utile notare che la bronzina lato ventola viene raggiunta dall'olio dopo che lo stesso e' transitato per il radiatore; appartiene a quella zona di motore che viene lubrificata da olio a bassa temperatura e bassa pressione.

Bloccata la biella lato ventola, quella lato volano libera di scorrere ha cominciato a spingere nell'unica direzione che gli era concessa strappando il perno di manovella dalla sua sede; una bella mano d'aiuto gliela deve aver dato anche il volano.

Penso che il motore prima di fermarsi, almeno per qualche secondo, ha dovuto emettere un baccano infernale perche', per quanto possa spingere forte, la biella libera si trova opposto un bel pezzo di acciaio al carbonio sottoposto a cura di indurimento superficiale.

E' utile notare che la bronzina lato volano viene raggiunta dall'olio pochi centimetri dopo la pompa di lubrificazione; appartiene a quella zona di motore che viene lubrificata da olio ad alta temperatura e alta pressione.

Sarebbe interessante se anche pelikan sottoponesse a palpazione il suo albero defunto e ci desse qualche altro ragguaglio; giusto per farci un'idea piu' precisa sulle cause della morte.

In entrambe i casi si puo' notare che la frattura e' partita da qualche cricca del fusto dell'albero e si e' propagata lungo il perno di manovella sfruttando anche i fori di lubrificazione; in entrambe i casi la parte di perno circondato dal piede della biella e' rimasto al suo posto.

Son daccordo sul fatto che il disastro si possa verificare anche con la coppa piena d'olio; sul sito del belga esperto di manovellismo si vede una foto relativa ad una biella che non mostrava ne' gioco ne' rumorosita di funzionamento ma il cui cuscinetto era in condizioni d'estrama usura.



Non sono in grado di fare diagnosi accurate credo pero' che quanto mostrato possa essere imputabile sia a scarsa manutenzione e piu' ancora all'anzianita' di servizio dei nostri motori.

Insomma puo' succedere, sono vecchie signore, il che dovrebbe scoraggiare gli utenti dal tenere il piede a tavoletta per lunghi tratti di noiosa autostrada  Grin


Bye. Mimmo.
Loggato

Whatever Works Wink
guidowi
Moderator
Colonna
*****
Offline Offline

Posts: 4405



« Risposta #9 il: Ottobre 10, 2009, 18:51:50 »

Secondo me perch una bronzina si conci cos ci vuole comunque qualche giro a secco tipo un accelerata all'avviamento col motore spento da una settimana o un oliaccio troppo loquido.

Per l'albero abbattuto se si inchiodata una biella certamente l'abbrivio del volano fa il resto.
Loggato

AleRus575
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 5117


MEHARI '78 & 2CV6 Dolly (replica) '82


WWW
« Risposta #10 il: Ottobre 10, 2009, 20:19:30 »

E la storia dei lunghi tratti in autostrada a tavoletta, rispondera' a verita'?L'ho gi sentita dire,....
Loggato

  Vecchio stampo!
pelikan
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1343



« Risposta #11 il: Ottobre 12, 2009, 08:42:14 »

Povera bestia, ha fatto una brutta fine!

Ho per le mani un albero che ha subito la stessa frattura nello stesso punto.




La biella che si vede in primo piano e' saldamente bloccata nella posizione in cui l'ho fotografata, ne' da li si riesce a muoverla; ci ho provato prendendola a martellate, ma ho smesso prima di farmi male seriamente.

Penso che la bronzina della biella lato ventola sia defunta mentre era in servizio, i detriti della suddetta non trovando via di fuga hanno cominciato ad azzufarsi fra di loro, prigionieri fra il piede di biella e il perno di manovella, producendo una frizione tale da fondere i due pezzi insieme.

E' utile notare che la bronzina lato ventola viene raggiunta dall'olio dopo che lo stesso e' transitato per il radiatore; appartiene a quella zona di motore che viene lubrificata da olio a bassa temperatura e bassa pressione.

Bloccata la biella lato ventola, quella lato volano libera di scorrere ha cominciato a spingere nell'unica direzione che gli era concessa strappando il perno di manovella dalla sua sede; una bella mano d'aiuto gliela deve aver dato anche il volano.

Penso che il motore prima di fermarsi, almeno per qualche secondo, ha dovuto emettere un baccano infernale perche', per quanto possa spingere forte, la biella libera si trova opposto un bel pezzo di acciaio al carbonio sottoposto a cura di indurimento superficiale.

E' utile notare che la bronzina lato volano viene raggiunta dall'olio pochi centimetri dopo la pompa di lubrificazione; appartiene a quella zona di motore che viene lubrificata da olio ad alta temperatura e alta pressione.

Sarebbe interessante se anche pelikan sottoponesse a palpazione il suo albero defunto e ci desse qualche altro ragguaglio; giusto per farci un'idea piu' precisa sulle cause della morte.

In entrambe i casi si puo' notare che la frattura e' partita da qualche cricca del fusto dell'albero e si e' propagata lungo il perno di manovella sfruttando anche i fori di lubrificazione; in entrambe i casi la parte di perno circondato dal piede della biella e' rimasto al suo posto.

Son daccordo sul fatto che il disastro si possa verificare anche con la coppa piena d'olio; sul sito del belga esperto di manovellismo si vede una foto relativa ad una biella che non mostrava ne' gioco ne' rumorosita di funzionamento ma il cui cuscinetto era in condizioni d'estrama usura.



Non sono in grado di fare diagnosi accurate credo pero' che quanto mostrato possa essere imputabile sia a scarsa manutenzione e piu' ancora all'anzianita' di servizio dei nostri motori.

Insomma puo' succedere, sono vecchie signore, il che dovrebbe scoraggiare gli utenti dal tenere il piede a tavoletta per lunghi tratti di noiosa autostrada  Grin


Bye. Mimmo.












.............nel mio caso le bielle girano senza problemi.......quello che vorrei sapere se si pu prevenrie a certe rotture..ma mi sembra di capire che qui importante il fattore lato b.  .......forse bisogna anche rassegnarsi al fatto che le ns amate non saranno eterne.....
stato per me un'anno molto duro..sicuramente il peggio da quando ho la 2cv....ho gi rotto 2 motori.....ora giro con un motore di cui non so niente.....Guido in questo epriodo (in privato) mi ha dato molti consigli e lo ringrazio pubblicamente, sono convinto che la soluzione migliore  sarebbe portare la 2cv da lui ma  al monento sia per problemi di tempo/distanza sia per poca money devo soprassedere e sperare che l'attuale motore tenga "botta".........

Loggato

grande Superpippo!!
GIGA34
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1432



« Risposta #12 il: Ottobre 12, 2009, 11:52:38 »

Mimmo....... a vederlo cos pi logica la tua di rottura che quella di pelikan...... se si inchioda una biella l'altra riceve il contraccolpo e qualcosa deve cedere per forza.... nel tuo caso ha ceduto l'albero...... nel caso di pelikan, se le bielle girano libere e niente inchiodato la spiegazione potrebbe essere che quella "cricca" l'ha fatta in occasione di un'altro grippaggio........ purtroppo i metalli duri spesso si "criccano" ma non si rompono...... sostituendo pistoni, cilindri e balle varie l'albero rimane criccato e dura finch pu....... questo il problema dei motori usati dei quali non si conosce la storia....... Wink

 
Loggato

CHI NON VOLA, NON VALE....... CHI VALE E NON VOLA E' UN VILE...... G.D'Annunzio
Andavo a Capri quando le Signore si atteggiavano come prostitute. Ho smesso di andare a Capri quando le prostitute si atteggiavano come Signore.  G.Agnelli
COIO3
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 4662


Franche Coquette


« Risposta #13 il: Ottobre 12, 2009, 19:22:14 »

E la storia dei lunghi tratti in autostrada a tavoletta, rispondera' a verita'?L'ho gi sentita dire,....

L'hai gia sentita dire per il semplice fatto che le forze che agiscono sulle bronzine di biella sono direttamente proporzionali al numero di giri del motore nell'unita' di tempo.

Se si parla di autostrada e' perche' per procedere alla massima velocita' in autostrada devi buttare sulle ruote tutti i 30cv disponibili, quindi la forza che spinge la biella in basso e' la massima prevista da progetto.

A questo aggiungi che per cento volte al secondo la biella impone l'inversione del moto ai 350 grammi del pisttone/spinotto, vincendo quindi significative forze d'inerzia a cui si aggiunge la forza centrifuga che spinge la testa di biella contro il perno di manovella.

Aggiungi che se la testa di biella mostra una tolleranza di accoppiamento al perno maggiore di 0.003mm si innescano fenomeni di martellamento che sollecitano in maniera  anomala l'imbiellaggio e che possono portare alla rottura dell'albero a partire da una cricca superficiale.

Aggiungi che se la bronzina e' piena di crateri non ci si puo' aspettare che l'olio riesca a riempire i buchi ne che riesca a far "galleggiare" la stessa sul perno, piuttosto tutte le forze si concentreranno sulla superfice che ancora si mostra levigata e accoppiata bene al perno stesso.

Ovviamente avendo un imbiellaggio nuovo per quanto "spingi" l'accelleratore rimani comunque nei parametri funzionali del motore, che puo' e deve sostenere il ritmo; avendo un motore "anziano" che dimostra di essere sospettosamente rumoroso conviene rallentare il ritmo.


Bye. Mimmo.
Loggato

Whatever Works Wink
AleRus575
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 5117


MEHARI '78 & 2CV6 Dolly (replica) '82


WWW
« Risposta #14 il: Ottobre 12, 2009, 19:54:52 »

A me avevano parlato di scarsa lubrificazione, nel senso che viaggiare  per molti km allo stesso numero di giri puo' provocare una scarsa circolazione d'olio, mentre cambiare frequentemente regime fa circolare meglio olio.
  Boh ti dico come me l'hanno venduta 
Loggato

  Vecchio stampo!
GIGA34
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1432



« Risposta #15 il: Ottobre 13, 2009, 09:20:31 »

te l'hanno venduta male Ale.........  Wink

un motore, se perfettamente a posto, progettato e strutturato per girare allo stesso regime per un sacco di tempo, una volta raggiunta la giusta temperatura di esercizio (85/90 gradi)..... ovvio che, come dice giustamente Mimmo, non deve essere il massimo regime perch strutturalmente non reggerebbe a lungo.......  Wink


 
Loggato

CHI NON VOLA, NON VALE....... CHI VALE E NON VOLA E' UN VILE...... G.D'Annunzio
Andavo a Capri quando le Signore si atteggiavano come prostitute. Ho smesso di andare a Capri quando le prostitute si atteggiavano come Signore.  G.Agnelli
pelikan
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1343



« Risposta #16 il: Ottobre 13, 2009, 12:13:43 »

una discussione interessantissima..peccato che il soggetto sia un mio ex motore......posso aggiungere che al motore in questione avevo rettificato le teste 2 mesi prima e che non avevo mai avvertito, fino a quel momento, rumori sospetti....come ben sapete, noi possessori da diversi anni di una 2cv, anche per chi non un meccanico "esperto" avverte subito ogni tipo si rumorino sopetto....io incluso...perci posso escludere anomalie rumorose.....by 
Loggato

grande Superpippo!!
GIGA34
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1432



« Risposta #17 il: Ottobre 13, 2009, 14:03:42 »

al momento della rettifica delle teste si potevano eventualmente vedere precedenti grippaggi o, misurando il cilindro, capire se fosse gi stato rettificato una prima volta........ purtroppo pu succedere, anche perch, a guardarlo cos non messo male quell'albero, anche le bronzine sembrano messe bene, sembra nuovo in generale Wink

 

Loggato

CHI NON VOLA, NON VALE....... CHI VALE E NON VOLA E' UN VILE...... G.D'Annunzio
Andavo a Capri quando le Signore si atteggiavano come prostitute. Ho smesso di andare a Capri quando le prostitute si atteggiavano come Signore.  G.Agnelli
pelikan
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1343



« Risposta #18 il: Ottobre 13, 2009, 16:02:09 »

appunto! cos aumenta la rabbia...e quindi per tirare le somme una rottura che puo' capitare in qualsiasi momento?senza pravviso....porc....anche se le percentuali dovrebbero essere basse non cmq il massimo ........
Loggato

grande Superpippo!!
AleRus575
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 5117


MEHARI '78 & 2CV6 Dolly (replica) '82


WWW
« Risposta #19 il: Ottobre 13, 2009, 16:13:24 »

te l'hanno venduta male Ale.........  Wink

un motore, se perfettamente a posto, progettato e strutturato per girare allo stesso regime per un sacco di tempo, una volta raggiunta la giusta temperatura di esercizio (85/90 gradi)..... ovvio che, come dice giustamente Mimmo, non deve essere il massimo regime perch strutturalmente non reggerebbe a lungo.......  Wink


 

pensa che chi me l'ha venduta un noto restauratore 2cvallistico 
Loggato

  Vecchio stampo!
Berto
Residente
***
Offline Offline

Posts: 162


presto che tardi !!!


« Risposta #20 il: Ottobre 14, 2009, 11:02:26 »

appunto! cos aumenta la rabbia...e quindi per tirare le somme una rottura che puo' capitare in qualsiasi momento?senza pravviso....porc....anche se le percentuali dovrebbero essere basse non cmq il massimo ........
[
/quote]

Alberto,ti consiglio di fare un giro verso qualche santuario,senza accelerare molto. .  ! ! !     

Poi quando torni a casa stai un bello po' dietro la LAVAGNA ! ! !

     Saluti Alberto

Loggato
pelikan
Colonna
****
Offline Offline

Posts: 1343



« Risposta #21 il: Ottobre 15, 2009, 08:50:46 »

ciao Berto

beh...dietro alla lavagna ci sono perennemente!!

ma non mollo!! nei periodi di sfiga che si vedono gli attributi.....duecavallista pi che mai!!
Loggato

grande Superpippo!!
Pagine: [1] Vai Su Stampa 
« precedente successivo »
Salta a:  


Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.11 | SMF © 2006, Simple Machines LLC
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 1.063 secondi con 23 queries.