2CV Club Italia - Forum

Autore Topic: Targhe storiche? O patacche?  (Letto 18739 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Andre77

  • Colonna
  • ****
  • Post: 642
  • Sortez du lot, roulez en 2CV!
Targhe storiche? O patacche?
« il: 26 Dicembre 2014, 23:48:56 pm »
E' da qualche tempo che volevo postare questa domanda ma ogni volta che mi veniva in mente... non ero davanti al computer...!!!  :P

Mi è capitato di vedere più di un'auto storica con le targhe anteriori e posteriori con la nuova numerazione (AA 000 AA) ma 'vecchio stile', cioé con fondo nero e numeri bianchi.
A Padova, in fiera, ne ho viste parecchie, tra cui anche una 2CV Charleston bigrigia targata "BK" a cui ho fatto anche una foto.

Ma cos'è, hanno introdotto le targhe storiche come accade in Francia oppure trattasi di targhe ornamentali con le quali è assolutamente vietato circolare?

 (nonso)
A n d r e
VIETATO VIETARE

Chi non sa ridere non è una persona seria

Offline salbifulco

  • Colonna
  • ****
  • Post: 7238
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #1 il: 27 Dicembre 2014, 00:23:42 am »
targhe ornamentali, da parata, sono ricostruite, non hanno la stellina bianca. (felice)
sdeghedè sdeghedè

Offline Citroale90

  • Colonna
  • ****
  • Post: 373
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #2 il: 27 Dicembre 2014, 00:24:27 am »
 (felice)
Propenderei per la seconda opzione!
Non mi risulta che in Italia si sia così "avanti" in queste cose...

Offline claudyane6

  • Colonna
  • ****
  • Post: 7921
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #3 il: 27 Dicembre 2014, 09:17:56 am »
le ho viste in vendita anch'io in fiera a Novegro ed altre.
sul banco c'era un catrello che specificava che l'uso fosse solo decorativo e non idoneo alla circolazione.

l'anno scorso in Croazia ho trovato un VW T..   furgone camperizzato, targato con targa nera ma con numerazione chiaramente più recente ma non ancora del tipo europeo, il proprietatio mi ha detto che è una riproduzione della targa e lui circola tranquillamente da qualche anno e non gli hanno mai detto niente  (nonso) mah, conteno lui...

Offline Lu

  • Colonna
  • ****
  • Post: 9002
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #4 il: 27 Dicembre 2014, 11:34:38 am »
A girare con quelle targhe per strada si ricade nel codice penale in quanto è un "atto falso"!
Con tutto quanto ne consegue.

Si nota l'art. 100 del CdS al comma 9 lettera c):

Citazione
Art. 100 - Targhe di immatricolazione degli autoveicoli, dei motoveicoli e dei rimorchi
[...]
9. Il regolamento stabilisce per le targhe di cui al presente articolo:
a) i criteri per la formazione dei dati di immatricolazione;
b) la collocazione e le modalità di installazione;
c) le caratteristiche costruttive, dimensionali, fotometriche, cromatiche e di leggibilità, nonché i requisiti di idoneità per l’accettazione.

Quindi la targa nera, pur riportando la corretta formazione dei dati, va ad alterare le caratteristiche (tutte!) previste dalla targa legale.
Per tanto lo stesso art.100 prescrive che:

Citazione
12. Chiunque circola con un veicolo munito di targa non propria o contraffatta è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.988 ad euro 7.953.
[...]
14. Chiunque falsifica, manomette o altera targhe automobilistiche ovvero usa targhe manomesse, falsificate o alterate è punito ai sensi del codice penale.
15. Dalle violazioni di cui ai commi precedenti deriva la sanzione amministrativa accessoria del ritiro della targa non rispondente ai requisiti indicati. Alle violazioni di cui al comma 12 consegue la sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo o, in caso di reiterazione delle violazioni, la sanzione accessoria della confisca amministrativa del veicolo. La durata del fermo amministrativo è di tre mesi, salvo nei casi in cui tale sanzione accessoria è applicata a seguito del ritiro della targa. Si osservano le norme di cui al capo I, sezione II, del titolo VI. (4)

Ovvero, a discrezione del tutore dell'ordine che si accorge di quella modifica, si rischia una multa da 1.988 ad euro 7.953, il fermo amministrativo del mezzo per un minimo di tre (3) mesi e una denuncia penale (con relativo processo davanti al giudice e in caso di condanna ascrizione della stessa nella fedina penale).
Reiterando il reato, ovvero alla seconda volta che ti beccano, il rischio è la confisca del mezzo.
Si badi bene: "confisca"! Ovvero si perde la proprietà del veicolo che diventa di proprietà dello Stato.

Vale la pena soddisfare il gusto estetico?
« Ultima modifica: 27 Dicembre 2014, 11:38:25 am da Lu »
www.registroitaliano2cv.it
Quello che vuoi per me, il doppio lo auguro a te (Totò)

Offline Lu

  • Colonna
  • ****
  • Post: 9002
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #5 il: 27 Dicembre 2014, 11:55:18 am »
Per completezza d'informazione:

quanti hanno visto un adesivino apposto sulla targa sopra il simbolo dello stato italiano?
l'amato art.100 ci parla anche di quello:

Citazione
10. Sugli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi è vietato apporre iscrizioni, distintivi o sigle che possano creare equivoco nella identificazione del veicolo.
[...]
13. Chiunque viola le disposizioni dei commi 5 e 10 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25 ad euro 99.

E invece quanti hanno apposto nel proprio portatarga la cornicetta cromata?
L'art.259 comma 2) (che è il "Regolamento di esecuzione e di attuazione" dell'art.100 di cui sopra) ci racconta che:

Citazione
2. è ammesso l'uso di cornici portatarga a condizione che siano di materiale opaco e che ricoprano il bordo della targa per una profondità non superiore a 3 mm. è vietato applicare sui portatarga e sulle teste delle viti di fissaggio materiali aventi proprietà retroriflettenti.

In questo caso non so quale sia la sanzione, non ho molta voglia di perdere tempo a cercare anche quella, posso però immaginare che il solerte tutore dell'ordine sia autorizzato a comminare il fermo amministrativo fino a nuovo collaudo.
www.registroitaliano2cv.it
Quello che vuoi per me, il doppio lo auguro a te (Totò)

Golf

  • Visitatore
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #6 il: 27 Dicembre 2014, 15:24:48 pm »
Io le ho comprate per la mia Charleston a targa bianca.

Le ho fatte fare nere con provincia arancio,come da anno di immatricolazione della macchina.

Sono fatte benissimo,praticamente identiche,manca solo lo stemma della Repubblica,che io ho fatto fare da un grafico in adesivo prespaziato.

Costano non poco e sono in alluminio laminato in pvc nero.

So che altre ditte le fanno anche in plastica come in origine.

Le ho montate solo per un periodo,poi le ho tolte.

Se si usano in sostituzione di targhe danneggiate o rotte ma dello stesso tipo e materiale e' difficile che qualcuno le contesti,ma montarle su veicoli con numerazione palesemente anacronistica al modello di targa vuol dire andarsi a cercare un multa molto probabile,anche se esiste la scappatoia del.......le ho perse e sto andando a fare la denuncia e intanto ho apposto queste .........
Ci si può provare.

 (felice)

Offline Andre77

  • Colonna
  • ****
  • Post: 642
  • Sortez du lot, roulez en 2CV!
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #7 il: 27 Dicembre 2014, 17:01:57 pm »
Già, purtroppo come spesso accade in Italia il legislatore è indietro anni luce rispetto alle esigenze della società e questa questione delle targhe è un esempio lampante.
(giu) (giu) (giu)

Personalmente io vedo la targa come parte integrante della macchina.
Sarà anche un mio gusto personale però io a vedere una macchina di 30 anni che gira con le targhe nuove storco il naso.
E non nascondo che il fatto che Tortoise avesse ancora la targa originale PV ha influito eccome nella mia decisione di acquistarla.
Onestamente credo che se una mia targa dovesse danneggiarsi irrimediabilmente ricorrerei a una copia, ben conscio del fatto che è un reato.
(police1)
Ma mai e poi mai potrei vedere la mia Tortoise targata EY !!!  (vomit)

Ovviamente farei riprodurre la targa così com'è, ovvero - trattandosi di una 1986 - targa bianca con provincia.
Altrove, invece, è possibile riconsegnare le vecchie targhe deteriorate e farsene fare una copia identica all'originale oppure (come in Francia) è possibile farsi fare targhe nuove (alfanumeriche) ma a sfondo nero e con lettere e numeri argento purché la macchina risalga a quel periodo ("véhicules carte grise collection").

Sappiate che quest'autunno, ad un piccolo raduno qui vicino casa, ho visto un'Alfa targata PV con targa arancione.
Trattandosi di un modello degli anni 80 la targa arancione ci stava... peccato che le targhe arancioni a Pavia sono terminate nell'estate dell'85 con PV 570000 e questa, che aveva una numerazione successiva, AVREBBE DOVUTO essere già bianca con le scritte nere....! 
;D ;D ;D
Probabilmente quell'Alfa era stata reimmatricolata successivamente ed il proprietario ha voluto riprodurre la targa della prima immatricolazione (arancione) ma con la numerazione del libretto.
 (stupid) (stupid) (stupid)

Eppure per la Legge sia che tu faccia una copia identica della tua targa, sia che tu la falsifichi palesemente il reato è identico...

Insomma, tutte queste falsificazioni, riproduzioni etc. purtroppo sono dovute al fatto che le normative vigenti sono del tutto inadeguate a ciò che richiedono i cittadini.

 (nonso)
A n d r e
VIETATO VIETARE

Chi non sa ridere non è una persona seria

Offline 2cvami

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3490
  • The show must go on
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #8 il: 27 Dicembre 2014, 21:29:32 pm »
A mio parere la targa del periodo dell' auto è una bella cosa, ma non è il caso di esagerare. Ricordo che fino al 1993 se si acquistava un' auto da un' altra provincia era necessario cambiare la targa, dunque molte auto "targa nera" vendute prima del 1976 sono divenute targa "arancio - nera" o "targa bianca" se vendute fuori provincia rispettivamente entro il 1985 e entro il 1994... Dunque questo fa parte della storia dell' auto! Se poi acquistiamo ora un' auto storica radiata e la reimmatricoliamo inevitabilmente le verranno assegnate le targhe nuove. Per quanto mi riguarda non lo ritengo una cosa influente in caso di acquisto. Certo sarebbe bello, per gusto estetico, legalizzare finalmente targhe con il "look" dell' epoca del veicolo, speriamo che ci si possa arrivare, anche se con la nostra legislatura non sarà facile.
 (felice)
Prima con i "modellini", poi con quelle vere: da sempre in 2cv.
Iscriviti al Registro Italiano 2cv:  http://registroitaliano2cv.it
https://www.facebook.com/groups/CSUCitroenistispezzini/276855059173916/?notif_t=like

Offline Ami8

  • Residente
  • ***
  • Post: 166
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #9 il: 01 Gennaio 2015, 11:38:01 am »
Se può essere illuminante come episodio vi racconto quanto successo ad un amico, che ha montato la targa anteriore dietro perchè nella sua auto non ci stava la posteriore normale.

La stradale gli ha piantato una grana pazzesca.  Fermato in autostrada gli hanno fatto due multe, targa mancante davanti (era dietro) e targa posteriore non conforme (la posteriore era nel baule). Inoltre gli hanno applicato la sanzione accessoria del fermo amministrativo e dopo un'attesa di più di un'ora è arrivato un carro attrezzi che gli ha trainato l'auto nel vicino deposito giudiziario a prezzi stratosferici (convenzionato con la stradale  (stupid) )

Il giorno dopo si è recato al comando per l'affido dell'auto durante il fermo ed il comandante, in buona, gli ha levato il fermo amministrativo e ha potuto portarla a casa senza problemi...

Morale: anche a me piacerebbe su alcune auto importate che ho rifare la targa con un look vintage ma visti i rischi direi che non ne vale proprio la pena....

Offline Lu

  • Colonna
  • ****
  • Post: 9002
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #10 il: 01 Gennaio 2015, 12:20:19 pm »
caruccio sto episodio.
Secondo me riassume bene ciò che può accadere.
Credo che alla dine dei giochi il distingyo sia solo uno: quanto sono talebano dell'originalità?
Ma la cosa anche si complica. Perchè la targa è parte della macchina, per cui se la macchina è dotata di una certa targa, andarla a modificare significa alterarne l'originalità.

Boh, continuo a pensare che questa cosa delle targhe sia semplicemente un vezzo estetico e come tale ha il peso che ogn'uno vuole dargli.
Se qualcuno è disposto, per un vezzo, a sopportare una multa di migliaua di euro... fatti suoi.
www.registroitaliano2cv.it
Quello che vuoi per me, il doppio lo auguro a te (Totò)

Offline salbifulco

  • Colonna
  • ****
  • Post: 7238
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #11 il: 01 Gennaio 2015, 12:27:07 pm »
un episodio isolato come quello del prolungo baule, anchesso irregolare, che molte decine di 2cvallistii montano e solo in un caso e proprio al nostro moderatore gli è andata male.
poi concordo con lu, ognuno fa quello che vuole.
sdeghedè sdeghedè

Offline sert

  • Moderator
  • Colonna
  • *****
  • Post: 3822
  • ...s'i fossi foco...
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #12 il: 01 Gennaio 2015, 12:37:24 pm »
azz.....quel baulaccio....quantomi è costato.....

 (muro)

>>L

Offline salbifulco

  • Colonna
  • ****
  • Post: 7238
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #13 il: 01 Gennaio 2015, 12:47:18 pm »
azz.....quel baulaccio....quantomi è costato.....

 (muro)

>>L
...ecco l'unico caso tra centinaia di bauli  (nonso)
sdeghedè sdeghedè

Offline Lu

  • Colonna
  • ****
  • Post: 9002
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #14 il: 01 Gennaio 2015, 13:06:35 pm »
E' un discorso un po' diverso.
La prolunga del baule è un alterazione delle caratteristiche costruttive del mezzo.
Rientra in una questione puramente amministrativa e da adito a una multa (più o meno salata) ed eventualmente a un passaggio in motorizzazione.
L'alterazione della targa rientra nel penale.
La targa è il mezzo per riconoscere legalmente il veicolo ed è equiparato a un documento legale. Alterando la targa si effettua un falso.
Falso ancora più grave se viene alterato il simboletto dello stato, nel qual caso le pene diventano ancora più salate. Non ricordo l'esatta motivazione ma non e' un caso che chi riproduce le targhe non riproduca anche il simboletto.
Alterare la targa equivale a tutti gli effetti girare con la carta d'identità falsa, le pene personali sono le stesse. Se a un tutore dell'ordine esibisco una carta d'identità scritta di mio pugno su carta comune, poco gli importa al solerte tutore che i dati ivi scritti siano quelli veri: la denuncia penale scatta comunque.
www.registroitaliano2cv.it
Quello che vuoi per me, il doppio lo auguro a te (Totò)

Offline Lu

  • Colonna
  • ****
  • Post: 9002
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #15 il: 01 Gennaio 2015, 13:09:06 pm »
Certo sarebbe bello, per gusto estetico, legalizzare finalmente targhe con il "look" dell' epoca del veicolo, speriamo che ci si possa arrivare

Esiste qualche stato al mondo dove ciò avviene?
A parte la personalizzazione della targa in America, non mi sembra avvenga da qualche altra parte.
www.registroitaliano2cv.it
Quello che vuoi per me, il doppio lo auguro a te (Totò)

Offline SCARABEO

  • Colonna
  • ****
  • Post: 1603
  • Ul paletò de legn el gà no i sacòcc
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #16 il: 01 Gennaio 2015, 14:07:12 pm »
Mi sembra che in Francia le puoi avere come quelle di una volta.
Con fondo nero .
Ma con CGC (Carta Grigia Collezione)
www.citroen.page.tl  -  Ottimista è colui che vede nella grandine l'inizio di un grande Mojito - Franco

Offline Ami8

  • Residente
  • ***
  • Post: 166
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #17 il: 01 Gennaio 2015, 14:57:17 pm »
In Inghilterra le targhe, come in Francia, sono stampate da privati e di per se non hanno un valore "legale". Se smarrite semplicemente si ristampano ed inoltre la motorizzazione inglese assegna, ai veicoli di importazione estera, dei numeri di targa consoni all'epoca del veicolo.
Sono "tollerate" targhe riproducenti il corretto numero di registrazione inglese ma con foggia non conforme (tipo americano o francese per esempio).

In Olanda quando si immatricola un veicolo d'epoca (per esempio importato dall'estero) si può chiedere una targa storica, con forma e numero uguale a quelle che avevano all'epoca.

In Germania si possono richiedere  deroghe sulle dimensioni e può essere assegnato un numero "corto" per facilitare il compito a chi stampa materialmente la targa  (anche qui le targhe sono fatte dai privati e poi legalizzate con una specie di bollo applicato).




Offline Lu

  • Colonna
  • ****
  • Post: 9002
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #18 il: 01 Gennaio 2015, 15:53:34 pm »
Buono a sapersi, interessante quest'approfondimento.
www.registroitaliano2cv.it
Quello che vuoi per me, il doppio lo auguro a te (Totò)

Offline Andre77

  • Colonna
  • ****
  • Post: 642
  • Sortez du lot, roulez en 2CV!
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #19 il: 15 Gennaio 2015, 12:30:27 pm »
Stessa cosa succede in Portogallo.

Per tutti i veicoli - compresi quelli d'importazione! - si possono richiedere le targhe d'epoca purché la 1^ immatricolazione del veicolo sia antecedente al 1991, anno nel quale ci fu il passaggio da targa nera con numeri bianchi alla targa di tipo europeo.
Basta recarsi alla motorizzazione e pagando 250 € si può ottenere una targa con la vecchia numerazione e fabbricata con gli stessi materiali in uso fino al 1991.
Per la targa posteriore si può scegliere anche il formato, ovvero se quadrata oppure rettangolare.

Così:



Sì, insomma, siamo proprio noi che siamo indietro....  (giu)


 (felice)
A n d r e
VIETATO VIETARE

Chi non sa ridere non è una persona seria

Offline Fredyla031

  • Novello
  • *
  • Post: 1
Re: Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #20 il: 02 Ottobre 2021, 20:48:00 pm »
A mio parere la targa del periodo dell' auto è una bella cosa, ma non è il caso di esagerare. Ricordo che fino al 1993 se si acquistava un' auto da un' altra provincia era necessario cambiare la targa, dunque molte auto "targa nera" vendute prima del 1976 sono divenute targa "arancio - nera" o "targa bianca" se vendute fuori comparateur assurance chat provincia rispettivamente entro il 1985 e entro il 1994... Dunque questo fa parte della storia dell' auto! Se poi acquistiamo ora un' auto storica radiata e la reimmatricoliamo inevitabilmente le verranno assegnate le targhe nuove. Per quanto mi riguarda non lo ritengo una cosa influente in caso di acquisto. Certo sarebbe bello, per gusto estetico, legalizzare finalmente targhe con il "look" dell' epoca del veicolo, speriamo che ci si possa arrivare, anche se con la nostra legislatura non sarà facile.
 (felice)
Non avendo quindi costi fissi a prescindere dall'utilizzo non vedo l'utilità di una radiazione volontaria.

Offline claudyane6

  • Colonna
  • ****
  • Post: 7921
Re:Targhe storiche? O patacche?
« Risposta #21 il: 02 Ottobre 2021, 21:25:33 pm »
proprio 15 giorni fa in provincia di Varese, ad una manifestazione di auto storiche con tanto di contrassegno ASI ho visto una giulietta spider anni 60 con la numerazione della targa dell'epoca ma rettangolare e nera  (?) (?) ??? ??? (nonso) (nonso) sono rimasto perplesso (sorpreso)