2CV Club Italia - Forum

Autore Topic: I racconti della Zia Anita : Milano  (Letto 11276 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline 10nico

  • Colonna
  • ****
  • Post: 17733
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #30 il: 03 Ottobre 2016, 19:53:30 pm »
Dany, tu sei uomo di mondo e sai i come e i perchè! (vecchio)

Hai fatto bene a ricordare a lorsignori le abitudini della Provincia, sicuramente più sane e meno "convenzionalificate" (perdonate il neologismo) della "sbobba del branco".

 (bravo)  (superok)
Live long and prosper

Offline COIO3

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6418
  • prima parlate ai miei sottoposti
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #31 il: 03 Ottobre 2016, 19:59:03 pm »
la bonarda accompagna gli anolini in brodo (vecchio) il pasto tipico del commissario soneri (mang) l'ho letto, era scritto proprio cosí  (nonso)  io non so manco di che si parla  ;D però mi piace vedervi discorrere  (appl)
Whatever Works ;)

Offline 10nico

  • Colonna
  • ****
  • Post: 17733
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #32 il: 03 Ottobre 2016, 20:39:47 pm »
Ma la bonarda non è un vino pemunteis?  (?)
Live long and prosper

Offline m.real

  • Colonna
  • ****
  • Post: 4192
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #33 il: 03 Ottobre 2016, 21:13:11 pm »
(felice)

Talvolta mi capita di andare a Milano per motivi di lavoro e se appena posso evito la pausa pranzo.
Ma se proprio non ci riesco mi diverto a sconvolgere i milanesi (baristi e clienti)

L'ultima volta è stato ad agosto, riunione in piazza mercanti (i milanesi capiranno, me è a 2 passi dal duomo) e avendo finito alle 13, prima di andare a prendere il treno per tornare in provincia, mi sono infilato in uno dei bar di via dei mercanti e ho ordinato "un panino con la bologna e un bicchiere di bonarda"   ;D

La faccia del cameriere non aveva prezzo, e non ce l'aveva neanche quella della fintagnocca seduta al tavolino di fianco.

Non si può raccontare ma solo quelle hanno giustificato la trasferta

 (muoio) (muoio) (muoio)

Peccato che mi sia dovuto accontentare di un panino al crudo...
(felice) Questa e troppo forte (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (su)
Be, io posso dire che abito quasi a Milano,ma la prossima volta che mi trovo in centro , provo la variante << panino con la pancetta Quadra>> traduco per chi none milanese,il lardo.
in fondo al tunnel ce sempre una luce

Offline claudyane6

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6746
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #34 il: 03 Ottobre 2016, 21:38:52 pm »
(felice)

Talvolta mi capita di andare a Milano per motivi di lavoro e se appena posso evito la pausa pranzo.
Ma se proprio non ci riesco mi diverto a sconvolgere i milanesi (baristi e clienti)

L'ultima volta è stato ad agosto, riunione in piazza mercanti (i milanesi capiranno, me è a 2 passi dal duomo) e avendo finito alle 13, prima di andare a prendere il treno per tornare in provincia, mi sono infilato in uno dei bar di via dei mercanti e ho ordinato "un panino con la bologna e un bicchiere di bonarda"   ;D

La faccia del cameriere non aveva prezzo, e non ce l'aveva neanche quella della fintagnocca seduta al tavolino di fianco.

Non si può raccontare ma solo quelle hanno giustificato la trasferta

 (muoio) (muoio) (muoio)

Peccato che mi sia dovuto accontentare di un panino al crudo...
(felice) Questa e troppo forte (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (su)
Be, io posso dire che abito quasi a Milano,ma la prossima volta che mi trovo in centro , provo la variante << panino con la pancetta Quadra>> traduco per chi none milanese,il lardo.

un mument, mi a sun un zic pusè a nord ma da nun la pansceta quadra l'è na roba e al lard un'alta

possibile che trovi il lardo di colonnata ma non la pancetta quadra

la bonarda? a me risulta che sia tipica dell'oltrepò pavese ma diffusa anche in zone limitrofe

Offline m.real

  • Colonna
  • ****
  • Post: 4192
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #35 il: 03 Ottobre 2016, 23:09:28 pm »
(felice)

Talvolta mi capita di andare a Milano per motivi di lavoro e se appena posso evito la pausa pranzo.
Ma se proprio non ci riesco mi diverto a sconvolgere i milanesi (baristi e clienti)

L'ultima volta è stato ad agosto, riunione in piazza mercanti (i milanesi capiranno, me è a 2 passi dal duomo) e avendo finito alle 13, prima di andare a prendere il treno per tornare in provincia, mi sono infilato in uno dei bar di via dei mercanti e ho ordinato "un panino con la bologna e un bicchiere di bonarda"   ;D

La faccia del cameriere non aveva prezzo, e non ce l'aveva neanche quella della fintagnocca seduta al tavolino di fianco.

Non si può raccontare ma solo quelle hanno giustificato la trasferta

 (muoio) (muoio) (muoio)

Peccato che mi sia dovuto accontentare di un panino al crudo...
(felice) Questa e troppo forte (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (su)
Be, io posso dire che abito quasi a Milano,ma la prossima volta che mi trovo in centro , provo la variante << panino con la pancetta Quadra>> traduco per chi none milanese,il lardo.

un mument, mi a sun un zic pusè a nord ma da nun la pansceta quadra l'è na roba e al lard un'alta

possibile che trovi il lardo di colonnata ma non la pancetta quadra

la bonarda? a me risulta che sia tipica dell'oltrepò pavese ma diffusa anche in zone limitrofe
(felice) Claudyane ,ta ghe rasùn (su),infatti ci ho pensato subito dopo averlo postato ,di aver detto una cavolata (nonso), e vero, il lardo e la pancetta quadra son due cose diverse.
in fondo al tunnel ce sempre una luce

Offline Skassamakkinen

  • Colonna
  • ****
  • Post: 9773
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #36 il: 03 Ottobre 2016, 23:23:36 pm »
Un' immagine può fare più di tante parole...

Guarda, M.Real, un rapido riassunto:



..qui trovi tutto:  la pancetta quadra e il lardo...  (muoio) (muoio) (muoio)
La fretta è spreco.
Spreco, è ciotola spaccata che non avra MAI riso.

Offline m.real

  • Colonna
  • ****
  • Post: 4192
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #37 il: 03 Ottobre 2016, 23:33:52 pm »
Un' immagine può fare più di tante parole...

Guarda, M.Real, un rapido riassunto:



..qui trovi tutto:  la pancetta quadra e il lardo...  (muoio) (muoio) (muoio)
(felice) Grande Skassa  (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl)
in fondo al tunnel ce sempre una luce

Offline Dany

  • Colonna
  • ****
  • Post: 2142
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #38 il: 04 Ottobre 2016, 08:10:19 am »
Buongiorno a tutti  (felice) (felice)

Un caffettino ci starebbe proprio bene.....
Sometimes you're the windshield, sometimes you're the bug
(certe volte sei il parabrezza, certe volte sei il moscerino)
Mark Knopfler

Offline Dany

  • Colonna
  • ****
  • Post: 2142
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #39 il: 04 Ottobre 2016, 08:13:55 am »
 (stupid)
pensavo d'essere al bar.....ho proprio bisogno di un caffè...
Sometimes you're the windshield, sometimes you're the bug
(certe volte sei il parabrezza, certe volte sei il moscerino)
Mark Knopfler

Offline Yoghi

  • Colonna
  • ****
  • Post: 457
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #40 il: 04 Ottobre 2016, 08:19:53 am »
Io, rivedendo le foto, vorrei un pastis alla Ludo..... (muoio) (muoio) (muoio)
Se c'e' soluzione perché ti preoccupi? Se non c'é soluzione perché ti preoccupi?

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #41 il: 04 Ottobre 2016, 09:40:08 am »
cari tutti

per un buon panino con la mortadella, caro dany, lei deve andare in Via Spadari, 9.
la mecca si chiama pek del quale, offro una bella diapositiva


dany, il caffè, viene servito nel bar affianco, c'è pure quello con le latte a parte freddo o caldo ma se vuole un caffè qui, io & lei, lo ordino subito.
passo alla cassa per ritirare lo scontrino e chiedere un finanziamento.
vorrà mica anche la brioches, vero?
altrimenti dovrei ipotecare la casa.

coio
il pane casereccio...
buono quello. me lo ricordo ancora quando da ragazzino, andavo a trovare la nonna materna.
si entrava in quella casa e si sentiva questo profumo di pane...
ma ora, milano che è bastarda, ti ripropone le stesse fragranze e gli stessi sapori,
facendoteli pagare come tartufi d'alba.

ho visto una michetta a 200 euro ;D (sorpreso)




evitate le maiuscole...

Offline Dany

  • Colonna
  • ****
  • Post: 2142
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #42 il: 04 Ottobre 2016, 09:45:57 am »
 (felice)

Buondì Zia,

Peck lo conosco....e lo evito accuratamente
perché ora che la banca mi concede il finanziamento, il caffè si è raffreddato  (stupid)
Sometimes you're the windshield, sometimes you're the bug
(certe volte sei il parabrezza, certe volte sei il moscerino)
Mark Knopfler

Offline claudyane6

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6746
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #43 il: 04 Ottobre 2016, 11:32:07 am »
ah, la michetta



sono lustri che non ne trovo una decente.....

o sono gommose e piene o sono troppo lievitate a mo di pasticceria

non ci sono più le michette di una volta ......

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #44 il: 04 Ottobre 2016, 11:37:51 am »
dany....
e se prendessimo un caffè da pek?
uniamo i finanziamenti...
claudyane...
vero?
sono anni e anni che la cerco. dicono di spostarsi nella prima periferia di milano.
domani, le saprò dire.
evitate le maiuscole...

Offline m.real

  • Colonna
  • ****
  • Post: 4192
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #45 il: 04 Ottobre 2016, 19:47:59 pm »
 (felice) La michetta, ricordo che da bambino, qui nel piccolo paese in provincia di Milano(dove tuttora abito)gli anziani raccontavano ,che la michetta o il pane bianco, era il pane dei sciur dei benestanti , e che loro poveri contadini mangiavano la michetta in rare occasioni, perché fatto con la farina bianca, che essendo molto raffinata costava molto di più.
Allora io chiesi ,che pane mangiavano? e mi dicevano che mangiavano < al pan giald > il pane giallo ,che era fatto con la farina di mais, e che gli dava quel tipico colore giallo,da qui il nome.
Ricordo che il vecchio panettiere ancora lo faceva per qualche anziano.
in fondo al tunnel ce sempre una luce

Offline Aspes

  • Moderator
  • Colonna
  • *****
  • Post: 4018
  • Una volta sfioravo la Giallina
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #46 il: 05 Ottobre 2016, 07:38:50 am »


sto aspettando anche Aspes.
non so perchè ma mentre scrivevo, mi è venuto in mente.

signori, milano vi aspetta tutti.

Eccomi Zia ... lo sai, mi trovi sempre in Piazza Velasca, io da li difficilmente mi muovo ...

E poi per me Peck e' troppo da Sciur, mi sono sempre sentito a disagio, i commessi hanno quello sguardo "giudicante" ... un po' come andare a mangiare da Pane & Farina circondato da tutti quelli della Confindustria ...

A fatica riesco arrivare quella bella latteria in zona Gonzaga dove tutto era vegetariano .. !!!!
Siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nelle testa,
e il cuore di simboli pieno.

Offline Elena MeM

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3460
  • La felicità è il contachilometri che gira.
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #47 il: 05 Ottobre 2016, 07:57:13 am »
Abitavamo in Città Studi, al "confine" con l'Ortica.
Il confine era (ed è) delineato dalla ferrovia.
All'Ortica, da ragazzina, andavo a piedi passando dal sottopasso, con mille raccomandazioni, da parte di mamma, di percorrerlo di corsa e di non fermarmi lì sotto.
Appena sbucavi di là c'era la piazza con i giardinetti, il circolo dei ferrovieri, la chiesa, la pizzeria.
Dalla piazza partiva Via Ortica.
Lì abitavano zia Lina e zio Chiade (fratelli di mia nonna), c'era la carrozzeria di zio Enea e lo studio di pittura del mio Papy, ricordo le osterie I Tri Basei ed Il Gatto Nero.
All'inizio della via c'era il salumiere.
Non era quello dal quale si comprava abitualmente, un giorno mi ci portò mio cugino Alberto.
Prima di entrare però mi fece un mucchio di raccomandazioni: "Non ridere, stai seria".
Non ne capivo il motivo ma promisi che ce l'avrei fatta.
Entrammo e lui ordinò un etto di prosciutto cotto.
Il salumiere iniziò ad affettare e a sovrapporre le fette sulla bilancia.
Arrivò all'etto e qualche grammo.
A quel punto Alberto mi diede una gomitata e con lo sguardo mi fece capire di stare attenta a quel che sarebbe successo nell'istante successivo.
Il salumiere tolse l'ultima fetta, la posò sul tagliere di legno consumato, ne tagliò via un pezzo, la ripose sulle altre: grammi 100.
Un etto vuoi? Cento virgola zero zero grammi avrai.
Questa era la sua tanto precisa quanto curiosa e comica prassi.
Non l'avevo mai visto fare prima. Non mi è mai più capitato di vederlo fare.

I racconti della zia, sovrapposti alla mia appena terminata vacanza a Milano, mi hanno ricordato questa sciocchezza.

 (felice)
Non ho tempo per le cose che non hanno un'anima.

Offline Elena MeM

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3460
  • La felicità è il contachilometri che gira.
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #48 il: 05 Ottobre 2016, 09:20:20 am »
Perfetta.
Per la mia malinconia. (gatto)

La zia mi perdonerà.

 (felice)

[/youtube]
Non ho tempo per le cose che non hanno un'anima.

Offline claudyane6

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6746
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #49 il: 05 Ottobre 2016, 09:52:57 am »
a Castelletto Ticino (la zia conosce) c'è Birra&Farina un pizzeria di ottima qualità ma senza sguardi strani

Offline Aspes

  • Moderator
  • Colonna
  • *****
  • Post: 4018
  • Una volta sfioravo la Giallina
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #50 il: 05 Ottobre 2016, 10:30:13 am »
a Castelletto Ticino (la zia conosce) c'è Birra&Farina un pizzeria di ottima qualità ma senza sguardi strani

E soprattutto li vicino c'e' la Pista Azzurra .. !!!
Siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nelle testa,
e il cuore di simboli pieno.

Offline m.real

  • Colonna
  • ****
  • Post: 4192
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #51 il: 05 Ottobre 2016, 10:40:58 am »
 (felice) Il racconto di Elena ,mi ha fatto ricordare che qualche cosa di simile avveniva nella vecchia panetteria del mio paese.
Era gestita da due anziani ,fratello e sorella, lui al forno ,lei al banco.
Alle volte capitava che la quantità di pane chiesta dal cliente era superiore di poco al peso previsto ,allora la proprietaria tagliava un pezzo di michetta a metà ,cosi il peso era giusto,stessa cosa se il peso era inferiore.Incredibile proporla ora una cosa del genere, ma allora si usava cosi.
in fondo al tunnel ce sempre una luce

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #52 il: 05 Ottobre 2016, 11:04:49 am »
mreal
con il al pan giald, mi avete fatto fare un tuffo nel passato.
mi nonna ne aveva sempre in casa mmm che buono.
ora quello stesso pane, nel centro di milano, è stato quotato in borsa.
son cose.
aspes
da dopo quel racconto, ogni volta che passo da Piazza Velasca, mi venite in mente.
bei ricordi davvero.
dama elena
è la prima volta che sento una cosa simile.
normalmente quando chiedo un etto di prosciutto e uno di bologna, me lo fanno arrivare direttamente a casa con un trasporto eccezionale.
un etto è uguale a due e mezzo se poi la mortadella ha i pistacchi dentro, un etto è quasi un porco intero.
a volte, lo porto a casa con il guinzaglio.
altre volte, gli do pure da bere e da mangiare e poi lo libero nel parco sempione.
etti secchi, non ne ho mai visti.

claudyane
birra&farina...me lo segno subito.
in caso arrivassi, l'avviserei prima cosi potrà acccorrere numeroso magari con dama.

mreal
rari davvero.


evitate le maiuscole...

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #53 il: 06 Ottobre 2016, 11:50:50 am »



tanto cemento e vetri ma c'è anche del verde...
un vero incanto.
evitate le maiuscole...

Offline Aspes

  • Moderator
  • Colonna
  • *****
  • Post: 4018
  • Una volta sfioravo la Giallina
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #54 il: 06 Ottobre 2016, 18:24:16 pm »
Non che ci sia niente di che in questa foto, se non la tipicita' degli anni '80, ed il fatto che quello che si intravede dalla finestra sia la Torre Velasca ... !!!

Siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nelle testa,
e il cuore di simboli pieno.

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #55 il: 06 Ottobre 2016, 18:31:51 pm »
che dettagli!



evitate le maiuscole...

Offline Aspes

  • Moderator
  • Colonna
  • *****
  • Post: 4018
  • Una volta sfioravo la Giallina
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #56 il: 06 Ottobre 2016, 18:34:20 pm »
Ottimo esempio di architettura .. !!! 

Zia, dovresti recuperare in qualche archivio una foto anni '80 ... pre Linea 3 .. li sotto c'era un bel Bar ... non so se ci sia ancora .. !!!
Siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nelle testa,
e il cuore di simboli pieno.

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #57 il: 06 Ottobre 2016, 18:38:09 pm »


domani le cerchiamo assieme se le va
 (abbraccio)
evitate le maiuscole...

Offline Aspes

  • Moderator
  • Colonna
  • *****
  • Post: 4018
  • Una volta sfioravo la Giallina
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #58 il: 06 Ottobre 2016, 18:40:49 pm »
Li davanti ho parcheggiato la Dyane, la Visa 11RE, la Visa Chrono ed il Guzzi Le Mans .. di fronte c'era il Self Service Velasca, ed all'angolo, verso Corso di Pora Romana, il Corner Bar ...
Siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nelle testa,
e il cuore di simboli pieno.

Offline zia anita

  • Colonna
  • ****
  • Post: 6806
  • evitate le maiuscole...
Re:I racconti della Zia Anita : Milano
« Risposta #59 il: 06 Ottobre 2016, 18:42:55 pm »
almeno una volta ogni due mesi, passo da quelle parti per delle commissioni di zia Anita.
la prossima volta faccio una fotina.
evitate le maiuscole...