2CV Club Italia - Forum

Autore Topic: Raduno nazionale italiano.  (Letto 26338 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #30 il: 03 Giugno 2011, 12:58:43 pm »
e chi lo organizza (??)

Mosceria a Roma!

(vecchio) mi dispiace mago, ma qui le tue arti magiche non funzionano se dietro non c'è un club coi fiocchi che si sbatte per un'appuntamento NAZIONALE


ma il problema non stà solo qui, il problema sono i fruitori del raduno che dovranno staccare il sedere dalla sedia e farsi anche 1000 km per partecipare a questo raduno nazionale, credi che lo faranno (??)
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Offline Ludo

  • Colonna
  • ****
  • Post: 32346
  • molto spesso mi perdo e non voglio ritrovarmi
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #31 il: 03 Giugno 2011, 13:03:30 pm »
Nell'era tecnologica, se ne potrebbero organizzare 4/5 diversi contemporaneamente in 4 /5 regioni diverse, ed essere collegati con maxischermi........


Vabbuò, la catazza l'ho detta per oggi!
La stupidità divora facce e nomi senza storia

magomerlino

  • Visitatore
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #32 il: 03 Giugno 2011, 23:03:35 pm »
e chi lo organizza (??)
(vecchio) mi dispiace mago, ma qui le tue arti magiche non funzionano se dietro non
ma il problema non stà solo qui, il problema sono i fruitori del raduno che dovranno staccare il sedere dalla sedia e farsi anche 1000 km per partecipare a questo raduno nazionale, credi che lo faranno (??)
   SI!!.....................................sono Sognatore!                                     Ludox!!    non è una catazza!!.........la vita è sogno........

Offline roma 679

  • Colonna
  • ****
  • Post: 602
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #33 il: 04 Giugno 2011, 07:31:30 am »
 (felice)

Mica male il raduno a Roma!!!

insrizione a piazza Venezia,2 cv cross che gareggiano al Circolo Massimo,area campeggio a Villa borghese o al Colle Oppio ,passeggiata notturna per Campo dei fiori,piazza di Spagna via del Corso  eccc ecc..........

non si sa mai magari qualcuno riesce a smuovere il club 2cv Roma che con l'aiuto di altri club potrebbe mettere su un evento quasi unico. basterebbe contatta l'ente per il turismo o la pro loco

L'anno scorso c'è stato un raduno notturno di 500,io mi sono accodato con il maggiolone,è durato solo una serata,ma è stato veramente bello,ad ogni semaforo i vigili davano la precedenza al raduno,piu' eravamo scortati anche da i vigili motociclisti    (superok)

Offline byqnno

  • Residente
  • ***
  • Post: 125
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #34 il: 04 Giugno 2011, 09:58:13 am »
e chi lo organizza (??)

Mosceria a Roma!

(vecchio) mi dispiace mago, ma qui le tue arti magiche non funzionano se dietro non c'è un club coi fiocchi che si sbatte per un'appuntamento NAZIONALE


ma il problema non stà solo qui, il problema sono i fruitori del raduno che dovranno staccare il sedere dalla sedia e farsi anche 1000 km per partecipare a questo raduno nazionale, credi che lo faranno (??)

(felice)

Potrebbero essere i presidenti e i direttivi dei clubs sparsi in tutta italia, a posare la prima pietra per il progetto, poi penso che chiunque darebbe una mano per edificare l'opera....

Forza con le idee!

 (guid)

Offline gabriele2cv

  • Moderator
  • Colonna
  • *****
  • Post: 1140
  • (+39)3472338751
    • Tole Orobiche - 2CV Bergamo 2006
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #35 il: 04 Giugno 2011, 10:45:40 am »
le prime pietre per il progetto, ma forse nessuno se n'è accorto o non ha riscosso il dovuto successo, sono già state posate da due anni a questa parte, forse tre, facendo organizzare il proprio raduno fuori dai confini della provincia di cuneo all'unico club nazionale attualmente in grado di poter proporre un organizzazione nazionale (e mondiale), l'associazione internazionale 2cv e derivate di beinette, alla quale molti di noi sono iscritti...
"2cv e cavalieri" e "2cv in toshana" sono stati il tentativo di vedere la risposta degli appassionati a un raduno itinerante del più grande club d'italia, ma forse sono passati solo come raduno del club di beinette...quest'anno si ritorna "sul luogo del delitto", a vinadio per i 20 del club; si torna sul luogo del più partecipato, ad oggi, raduno mondiale 2cv...
certo, verremo superati dalla francia quest'anno, e la loro organizzazione del nazionale non ha niente a che vedere con la nostra che è ancora purtroppo solo una bella idea, ma stiamo parlando della francia, dove ci sono club 2cv ad ogni angolo di strada, dove ci sono più raduni nello stesso fine settimana, dove la conformazione geografica quasi quadrata favorisce meglio gli spostamenti dei partecipanti...si potrebbe citare una pubblicità dicendo che gli piace vincere facile...

tante proposte, idee e voglia di partecipare, se non si riesce a farle di persona per svariati motivi alle riunioni annuali del club si possono proporre per delega a qualcuno che si conosce e che si sa che partecipa, si può discuterne con messaggi ai consiglieri del club che poi possono riportarle in riunione, si può discuterne con loro ai raduni...

nessuna vena polemica, ci mancherebbe, e vado a chiudere il "pippone"...
le basi ci sarebbero anche ma bisogna vedere all'atto pratico come si concretizzano in tema di organizzazione attiva e fattiva dell'evento perchè il grosso del lavoro deve essere fatto prima "sul campo" (individuazione del luogo adatto all'evento, richiesta permessi, forniture ecc. ecc.)...
insomma, libertà è partecipazione...
buona strada a tutti...
gabriele
...toglietemi tutto tranne il superfluo... oscar wilde
...i fiori che hai dentro non farli morire ma lascia che si aprano ai raggi del sole... nomadi
...bisogna essere duri senza perdere la tenerezza... ernesto "che" guevara de la serna

Offline roma 679

  • Colonna
  • ****
  • Post: 602
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #36 il: 04 Giugno 2011, 14:35:05 pm »
 (felice)

se ci fosse un Gabriele in ogni regione!!!!!!! (appl)

bisognerebbe fondare un consiglio supremo delle piu' alte cariche rappresentative del duecavallismo italiano .............

« Ultima modifica: 04 Giugno 2011, 14:39:48 pm da roma 679 »

magomerlino

  • Visitatore
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #37 il: 04 Giugno 2011, 14:39:08 pm »
Eccomi qua!!.....sono socio del Club internazionale 2cv e derivate di Beinette (CN)      Lo sono da qualche giorno prima di entrare in  contatto  con la mia amata "Azzurra". Chiunque usufruisca di questo bellissimo Forum,secondo il mio modesto parere, dovrebbe,se non altro per gratitudine,essere iscritto al Club che lo ha creato e lo ospita all'interno del proprio sito (soggetto sottinteso il forum).  Anche per il piacere personale di "contribuire",in una qualche maniera,e non soltanto "usufruirne" gratuitamente.chi ne avesse le possibilità economiche potrebbe addirittura diventare Socio Sostenitore.  Detto ciò da questi pochi post da quando si è riaperto l'argomento "raduno nazionale" si manifesta un certo disordine di idee,ma è normale e già fa capolino un embrione di polemica, che potrebbe preludere ad animate discussioni,fino a sfociare in una rissa furibonda,anzi!  quasi quasi adesso lancio l'idea di un raduno per incontrarsi e fare subito a botte, così non perdiamo tempo! io per esempio voglio picchiare Watson perchè scrive troppo ..... e Ludo1  perchè lui sa fare tutti quei lavori e io no!!!  e Aspes per i suoi racconti e perchè parla male della R4 ....... Coio3...per il suo narrare con ermetismo surreale e per il suo realismo disincantato .....  Pacifico  lo picchio  così......senza motivo!! o meglio  per il suo pacifismo!...vediamo mmmm    Angel  perchè suona il basso!....2cvami....perchè sono invidioso della sua 2cv ancienne......pata2cv...perchè ha la sua macchina da scartavetrare......Tiotio.....perchè ha smontato la sua ..... l'elenco potrebbe andare avanti....e mi scuso con chi non ho nominato....ma sicuramente picchio anche lui......Finito l'angolo del teatrino......vediamo intanto di continuare seriamente in questo progetto  contribuendo tutti con idee e quant'altro!  intanto mi interesserebbe sapere a quanti "piacerebbe"   avere un RADUNO  NAZIONALE A ROMA  soprattutto da "quelli"  che abitano a 1000 km   come dice Watsy.......     parliamone!!!!   guardate che potevo anche continuare.......ma devo andare a pranzo!!      siete fortunati!! (felice)

Offline roma 679

  • Colonna
  • ****
  • Post: 602
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #38 il: 04 Giugno 2011, 14:43:54 pm »
ti sei scordato di Adyanico
ormai famoso in tutto il centro italia per omaggiare ogni incontro con il vino rosso del suo paese nativo  (birra)

magomerlino

  • Visitatore
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #39 il: 04 Giugno 2011, 15:06:35 pm »
(felice)

Mica male il raduno a Roma!!!

insrizione a piazza Venezia,2 cv cross che gareggiano al Circolo Massimo,area campeggio a Villa borghese o al Colle Oppio ,passeggiata notturna per Campo dei fiori,piazza di Spagna via del Corso  eccc ecc..........

non si sa mai magari qualcuno riesce a smuovere il club 2cv Roma che con l'aiuto di altri club potrebbe mettere su un evento quasi unico. basterebbe contatta l'ente per il turismo o la pro loco

L'anno scorso c'è stato un raduno notturno di 500,io mi sono accodato con il maggiolone,è durato solo una serata,ma è stato veramente bello,ad ogni semaforo i vigili davano la precedenza al raduno,piu' eravamo scortati anche da i vigili motociclisti    (superok)
     Volere!! Potere!!  Dovremmo fare l'appello per sapere  CHI  è PRESENTE da queste parti ed è "disposto a fare qualcosa"  almeno per gettare le fondamenta...

Offline ginin

  • Colonna
  • ****
  • Post: 999
  • Salve a tutti
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #40 il: 04 Giugno 2011, 15:48:15 pm »
Salve a Tutti  (felice)

Sono un novello duecavallista, non ho molta esperienza di raduni, però posso sicuramente esprimere un'opinione.
Io penso che non sia semplice organizzare un raduno, tantopiù un Nazionale, penso sia più facile dare l'incarico anno per anno ad un raduno di quelli più importanti.
Chi avrebbe l'incarico sarebbe più stimolato a far bene e nello stesso tempo non parte proprio da zero, in più ogni anno sarebbe in una località diversa cosicchè qust'anno è più comodo a "me" l'anno prossimo sarà più comodo a "te".
Questa naturalmente è la mia modesta opinione.
Tutto quello che non c'è non può guastarsi.

magomerlino

  • Visitatore
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #41 il: 04 Giugno 2011, 16:08:03 pm »
Ginin!!  perdonami,se mi sono dimenticato.....Ti picchio perchè hai l'iscrizione al mondiale e io NO!!!! (muoio) (muoio) (muoio)

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #42 il: 06 Giugno 2011, 14:34:02 pm »
  guardate che potevo anche continuare.......ma devo andare a pranzo!!      siete fortunati!! (felice)

(vecchio) per fortuna che lo stomaco brontolava (mang) ... perchè il tuo è un perfetto post da OT 10 e lode....

Io vi chiedo gentilmente di analizzare la parola NAZIONALE

cosa intendete voi per raduno nazionale ?



è importante capire cosa uno vuole per poter proporre un evento con i fiocchi, giustamente come ha descritto Gabriele nella sua risposta, il raduno "2cv e cavalieri" e "2cv in toshana" organizzati dal club di Beinette possono esser intesi come un tentativo di raduno nazionale (anche se non sono daccordo) che non ha avuto il successo sperato.... e questo perchè?


forse perchè sono stati compresi come un raduno di un club fuori dai soliti luoghi (??)


Sappiamo che i bicilindrici italiani sono fedeli alle tradizioni, una volta che conosci un raduno se ti è piaciuto continui a frequentarlo (ovviamente ci sono quelli che frequentano qualunque cosa, basta che si  (bevuta) e si  (guid)), forse il fatto che non si siano pubblicizzati i due raduni sopra elencati potrebbe non aver incuriosito questa fetta di bicilindrici....


... e qui tornuiamo alla mia domanda iniziale modificando leggermente il quesito e formulandone una più accattivante:

ma se decidessimo di far diventare "nazionale" un raduno già esistente, cambiando di anno in anno il club fruitore, potremo chiamare questo il raduno nazionale italiano ?
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #43 il: 06 Giugno 2011, 14:46:10 pm »
Personalmente sono dell'idea che i diversi club con molti anni di esperienza sulle spalle con i loro raduni (ma anche qualche giovane club con tanta voglia di organizzare) dovrebbero iniziare a consultarsi, a scambiarsi delle idee per far si che anche in Italia ci sia un raduno nazionale.

Se copiassimo dalla Francia, questo raduno dovrebbe essere sempre in posti diversi, ma a differenza dei nostri cugini, noi abbiamo una nazione che ha la forma di uno stivale molto allungato e raggiungere gli estremi diventa alquanto problematico  (nonso)


La soluzione c'è ed è quella che il mago ha suggerito, ma un raduno nel centro dell'italia (che potrebbe andare da Firenze a Napoli per stare larghi) chi potrebbe organizzarlo ?


Difficile pensare che un club del nord o del sud riesca a trovare il tempo e le conoscenze giuste per l'organizzazione, forse con una sponsorizzazione forte questo potrebbe esser possibile (in fin dei conti Beinette non è riuscito ad organizzare un ICCCR a Roma  (appl)), ma ci vogliono conoscenze giuste e sbattimenti costanti (da non fraintendere con questo (sex)  ;D) e probabilmente noi non siamo ancora pronti, anche se leggendo qui sul forum sembra che nascano club in ogni luogo  (sorpreso))


Quindi la mia idea rimane quella di far ruotare questo evento in un luogo sempre diverso e legarlo all'esperienza diretta dei club locali, ma blindandone la data in cui l'evento si manifesta.


e perchè bilndare la data ?


perchè se vogliamo un Nazionale italiano dobbiamo almeno dare un segnale inequivocabile, dobbiamo fare in modo che tutti i bicilindrici italiani (ma anche quelli stranieri) sappiano che nella settimana XX si svolgerà ognio anno ( oppure ogni due) il nazionale italiano;


così tutti noi potremmo prenderci le nostre ferie e ritrovari di anno in anno al nostro incontro nazionale dove il club locale si farà in quattro per rendere l'esperienza unica (e poi giocando sui campanilismi si potrebbe cercare di superare in meglio l'edizione precedente, neh  :)).

 (felice)
« Ultima modifica: 06 Giugno 2011, 14:47:56 pm da Watson »
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Offline 2cvami

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3486
  • The show must go on
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #44 il: 06 Giugno 2011, 23:31:09 pm »
Mi fa molto piacere che sia stato ripreso questo argomento... Pur avendo già espresso la mia opinione parecchi post fa, mi ripeto e dico che al 2cavallismo italiano manca un vero raduno nazionale. E' vero, il 2cvClubItalia ha reso più facilmente raggiungibile il suo raduno spostando il luogo a parecchie centinaia di Km dalla sede, ma, pur trattandosi di un evento nazionale al quale potevano partecipare tutti,  restava comunque un qualcosa organizzato esclusivamente dal 2cvClubItalia. Il raduno nazionale italiano dovrebbe essere un qualcosa stabilito in accordo con i vari club/gruppi, magari tramite un' assemblea apposita alla quale partecipino i presidenti con i relativi consigli direttivi. Prendendo spunto da quanto scritto da Watson sarebbe necessaria da parte loro la voglia e la volontà di
iniziare a consultarsi, a scambiarsi delle idee per far si che anche in Italia ci sia un raduno nazionale.
Senza questo possiamo stare a discutere ore e ore senza ottenere alcun risultato.
Da parte mia posso dire che non solo in Francia c' è un raduno nazionale, ma anche in Gran Bretagna da una trentina d' anni (il famoso 2cvGB) e più di recente in Germania, perchè non potremmo farlo pure noi? (felice)
 
Prima con i "modellini", poi con quelle vere: da sempre in 2cv.
Iscriviti al Registro Italiano 2cv:  http://registroitaliano2cv.it
https://www.facebook.com/groups/CSUCitroenistispezzini/276855059173916/?notif_t=like

magomerlino

  • Visitatore
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #45 il: 07 Giugno 2011, 03:27:32 am »
(vecchio) per fortuna che lo stomaco brontolava (mang) ... perchè il tuo è un perfetto post da OT 10 e lode....
 Non vorrei che la burla superasse la domanda seria.......ovvero  la domanda è  se c'è o meno il desiderio e la volonta di avere un NAZIONALE!!.......(quindi perchè  OT?!) (accetto invece il 10 e lode!  :))....... Poi come aggiunta,come vedete l'idea di un NAZIONALE  nella Capitale?........per il fatto che uno (io) ami scherzare non è che si possa ......ignorare le domande e non rispondere....................................... ....................o no! ;)
« Ultima modifica: 07 Giugno 2011, 03:32:03 am da magomerlino »

Offline ALOHA

  • Colonna
  • ****
  • Post: 536
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #46 il: 07 Giugno 2011, 07:46:55 am »
Mi fa molto piacere che sia stato ripreso questo argomento... Pur avendo già espresso la mia opinione parecchi post fa, mi ripeto e dico che al 2cavallismo italiano manca un vero raduno nazionale. E' vero, il 2cvClubItalia ha reso più facilmente raggiungibile il suo raduno spostando il luogo a parecchie centinaia di Km dalla sede, ma, pur trattandosi di un evento nazionale al quale potevano partecipare tutti,  restava comunque un qualcosa organizzato esclusivamente dal 2cvClubItalia. Il raduno nazionale italiano dovrebbe essere un qualcosa stabilito in accordo con i vari club/gruppi, magari tramite un' assemblea apposita alla quale partecipino i presidenti con i relativi consigli direttivi. Prendendo spunto da quanto scritto da Watson sarebbe necessaria da parte loro la voglia e la volontà di
iniziare a consultarsi, a scambiarsi delle idee per far si che anche in Italia ci sia un raduno nazionale.
Senza questo possiamo stare a discutere ore e ore senza ottenere alcun risultato.
Da parte mia posso dire che non solo in Francia c' è un raduno nazionale, ma anche in Gran Bretagna da una trentina d' anni (il famoso 2cvGB) e più di recente in Germania, perchè non potremmo farlo pure noi? (felice)
 

Giusto blindare la data, ma sono daccordo con 2cvami, " senza questo possiamo stare a discutere ore e ore senza ottenere alcun risultato"
giorgio

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #47 il: 07 Giugno 2011, 08:48:14 am »
Poi come aggiunta,come vedete l'idea di un NAZIONALE  nella Capitale?........per il fatto che uno (io) ami scherzare non è che si possa ......ignorare le domande e non rispondere....................................... ....................o no! ;)

come vedi si è cominciato a parlarne (non ricordo più, ma sei per caso permaloso  (?)(abbraccio)


Un raduno NAZIONALE a Roma potrebbe benissimo essere il primo di una lunga serie....


... visto che noi non ne abbiamo, non sarebbe male iniziare la serie partendo dalla capitale che poi è raggiungibile comodamente da tutto lo stivale (isole comprese).


Immaginate la pubblicità internazionale che ne deriverebbe, il 1° raduno Nazionale a Roma, e dopo l'anno successivo il 2° raduno in un'altra località sempre diversa

ovviamente io ribadisco la necessità di fissare una data e svolgere l'evento sempre in quella data, inoltre per aver maggior possibilità di riuscita pubblicitaria, la prima mondiale deve avvenire in un anno non mondiale   (su)


rimane il problema di come organizzare un raduno dove statisticamente parlando di raduni non se ne fanno  (nonso)

forse uno sponsor potrebbe dare una mano ?



P.S. viceversa dal secondo raduno nazionale, il club che lo organizza aiutato da altri club, potrebbe sostituire quello che di solito organizza con il Mondiale, in modo da non complicargli l'esistenza.
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

magomerlino

  • Visitatore
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #48 il: 08 Giugno 2011, 11:39:59 am »
(non ricordo più, ma sei per caso permaloso  (?))  (abbraccio)
  La spada nella roccia - Anacleto Presentazione   Vuoi dire che forse somiglio più ad Anacleto?!   (stupid)                                                                                            
« Ultima modifica: 08 Giugno 2011, 11:41:43 am da magomerlino »

Offline Watson

  • Colonna
  • ****
  • Post: 22903
  • Ero anch'io come sei tu e tu verrai come sono io
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #49 il: 08 Giugno 2011, 13:10:45 pm »
Il nazionale francese è il raduno annuale dell'associazione che li riunisce quasi tutti o almeno un bel po' dei più significativi e si svolge a rotazione nelle rispettive regioni

Partiamo da questa affermazione e poniamo una domanda:

in Italia esiste un'associazione che riunisce quasi tutti i club italiani ?


Se esiste allora possiamo sperare di combinare qualcosa, altrimenti mi sa che siamo in alto mare ed un Nazionale italiano ce lo scordiamo  (nonso)

per chi se lo fosse perso guardate che cosa sono in grado di combinare i cugini http://www.2cvfrance2011.fr/index.php?lang=it
W la vita

"non postare" è un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Offline gabriele2cv

  • Moderator
  • Colonna
  • *****
  • Post: 1140
  • (+39)3472338751
    • Tole Orobiche - 2CV Bergamo 2006
Re: Raduno nazionale italiano.
« Risposta #50 il: 08 Giugno 2011, 19:58:00 pm »

Partiamo da questa affermazione e poniamo una domanda:
in Italia esiste un'associazione che riunisce quasi tutti i club italiani ?

http://www.2cvfrance2011.fr/index.php?lang=it


più che altro c'è l'associazione internazionale 2cv e derivate di beinette, più famigliarmente chiamata 2cv club italia, che tra i suoi iscritti annovera molti componenti dei vari club/gruppi locali...
ed è anche l'unico club che a mio avviso ha le potenzialità per organizzare, in collaborazione con i club/gruppi locali,  quello che tu intendi per raduno nazionale...
non c'è da confondersi perchè sennò si rischia un inutile spreco di parole; lodevole l'iniziativa di cui si discute sul thread del "1° raduno nazionale 2cv a roma", ma non basta la dicitura nazionale perchè questo sia tale...e non basta neanche la bellezza della capitale...
qualsiasi raduno si potrebbe chiamare nazionale perchè l'invito e la partecipazione è estesa a tutti; e alle volte partecipano anche dall'estero ma non per questo sono internazionali...
buona strada...

p.s.: anche vinadio non era male...e la scozia, nonostante il meteo...e la repubblica ceca anche...sulla svezia stendiamo un velo pietoso...aspettiamo di viverlo poi giudicheremo l'organizzazione del mondiale francese
...toglietemi tutto tranne il superfluo... oscar wilde
...i fiori che hai dentro non farli morire ma lascia che si aprano ai raggi del sole... nomadi
...bisogna essere duri senza perdere la tenerezza... ernesto "che" guevara de la serna

Offline sergio zoccolo

  • Colonna
  • ****
  • Post: 383
  • consèrvati sempre nella migliore delle ipotesi...
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #51 il: 06 Ottobre 2017, 16:23:19 pm »

 Ciao a tutti, si è parlato e riparlato dell'argomento in diverse sezioni, questa mi pare la più logica per non disperdere le idee.

 Dato che ultimamente sul forum e non solo (gruppi uozzap...) si è discusso parecchio di quest'idea coinvolgendo direttamente ed indirettamente il club, venerdì scorso (29 settembre) abbiamo affrontato la questione nella riunione mensile del direttivo.

 Premesso che come già ha sottolineato qualcuno (se non erro Bocco e Gabriele), il tentativo di coinvolgere la maggior parte degli italiani in un raduno organizzato dal più grande e storico club italiano lontano dalla sua sede è già stato fatto per ben tre volte (Vicchio, Piacenza, Biella) con scarsi risultati numerici, tutto il direttivo si è detto interessato a portare avanti il progetto, anche e soprattutto a noi interessa l'idea di un raduno annuale che diventi un punto di riferimento per tutti, italiani e non solo.

 Detto questo ci sono alcune considerazioni da fare: perché funzioni un'idea del genere bisogna ispirarsi a chi già lo fa da anni con ottimi risultati (ad esempio i francesi) e mettere alcune regole base.
 
 1.Individuare una data che tutti gli anni ospiti il nazionale (ad esempio 2 giugno, 1 maggio, 15 agosto...)
 2.Partire con un club o gruppo che organizzi il primo, durante il quale si potrà votare dove fare il secondo e così via
 3.Essere consapevoli che organizzare un raduno del genere comporta un impegno non da poco, che si deve essere in grado di portare avanti fino alla fine con annessi e connessi
 
 Detto questo siamo disponibilissimi a partecipare ad una (già più volte ventilata da più parti) riunione per discutere dell'argomento e vedere se finalmente riusciamo tra tutti a trovare una quadra per organizzare una cosa desiderata da nord a sud, isole comprese.

 Spero sinceramente si giunga ad una festa a cui tutti, ma proprio tutti, abbiano davvero voglia di partecipare, cascasse il mondo.

 Un abbraccio.

 Sergio.

viviamo tutti nel ricordo dell'ultima festa e nell'attesa della prossima...  (osteria della badessa, Peveragno)

perché...ci vuole scienza, ci vuol costanza ad invecchiare senza maturità... (F.Guccini)  uack! anche oggi sono riuscito a non lavorare! (paperino)

Offline 2cvami

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3486
  • The show must go on
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #52 il: 06 Ottobre 2017, 16:51:00 pm »
Molto bene, ottima notizia e ottima iniziativa da parte del Club, davvero complimenti. Adesso tocca agli altri farsi avanti: anche io spero si giunga ad una bella festa, sentita da tutti.

 (abbraccio)
Prima con i "modellini", poi con quelle vere: da sempre in 2cv.
Iscriviti al Registro Italiano 2cv:  http://registroitaliano2cv.it
https://www.facebook.com/groups/CSUCitroenistispezzini/276855059173916/?notif_t=like

Offline ALOHA

  • Colonna
  • ****
  • Post: 536
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #53 il: 06 Ottobre 2017, 19:18:28 pm »
 (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl) (appl)

complimenti per l'iniziativa, speriamo si possa concretizzare già per il 2018!!!!!!!!! BRAVI
giorgio

Offline maistrello.fabrizio

  • Residente
  • ***
  • Post: 114
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #54 il: 06 Ottobre 2017, 19:30:29 pm »
Io sarei felice che si possa organizzare un raduno a Roma essendo di Rieti, ma ci sono tanti problemi e in primis metterei le difficoltà sia per avere permessi per occupare un'area molto ampia adatta anche al camping ma poi ci sono i problemi con le ZTL che non danno permessi neppure momentanei , lo scorso inverno fu fatta una sorta di giro in notturna perché dopo una certa ora si riesce a girare vicino i monumenti come il Colosseo e Circo Massimo ma sempre e solo in notturna anche per via dei tanti politici che pascolano con le loro scorte, poi un vero gruppo di Roma non esiste perché molti sono della provincia tipo Nettuno, Aprilia o addirittura delle provincie vicine come Rieti Latina Viterbo ....quindi un raduno come leggevo come campo base villa Borghese la vedo un'utopia, si deve per forza concentrare nelle periferie o verso Ostia o Fiumicino o verso altre province, so che magari qualcuno rimane deluso a leggere le mie parole ma sono realista.

Offline Papillon

  • Colonna
  • ****
  • Post: 575
  • "Omm s' nasc, Brigant s' more"
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #55 il: 06 Ottobre 2017, 21:01:49 pm »
Salve a tutti,
Fabrizio non necessariamente dev'essere a Roma, può come diceva Sergio Z., essere organizzato ovunque, chiaramente il club, il gruppo che intende organizzarlo dovrà avere anche il supporto del club di Bainette in quanto è quello, che più di altri è indicato dalla Citroen Italia come punto di riferimento nazionale per queste manifestazioni.
Ciò non toglie che si ha la fortuna di avere uno sponsor Citroen regionale o provinciale, qualcosa di buono salta fuori.
L'importante è iniziare a discuterne serenamente, soprattutto sotto l'aspetto economico che non è da sottovalutare a cui tutti gli iscritti potranno contribuire con una somma che potrebbe essere la quota d'iscrizione in modo da anticipare delle somme al club o gruppo che si prende in carico l'organizzazione del raduno. 
 (felice)
 
Essere superstiziosi è da ignoranti ma non esserlo porta male.....

Offline Mr.flower

  • Assiduo
  • **
  • Post: 54
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #56 il: 07 Ottobre 2017, 08:43:22 am »
Buongiorno noi come rivieradeifuori non è molto che siamo nel giro dei raduni, ma tra quelli invernali ed estivi ne abbiamo fatto una decina, mi piace l'idea di partecipare ad un Nazionale Italiano, e pensavamo di metterci in gioco, siamo disposti ad ospitare un eventuale Nazionale, non ci sarebbe problema per il posto è permessi, Un nostro handicap è che siamo in pochi per gestire un evento del genere, per la manovalanza potremmo aggiustarci ma sul l'organizzazione avremmo bisogno di un supporto.
Un altro punto è il periodo, per noi fino a giugno è improponibile.

Ps siamo disponibili per aiuti ad altri gruppi.
è meglio una vita da 2cv che 100 da ronzino....

Offline ALOHA

  • Colonna
  • ****
  • Post: 536
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #57 il: 07 Ottobre 2017, 09:52:41 am »
Salve a tutti,
Fabrizio non necessariamente dev'essere a Roma, può come diceva Sergio Z., essere organizzato ovunque, chiaramente il club, il gruppo che intende organizzarlo dovrà avere anche il supporto del club di Bainette in quanto è quello, che più di altri è indicato dalla Citroen Italia come punto di riferimento nazionale per queste manifestazioni.
Ciò non toglie che si ha la fortuna di avere uno sponsor Citroen regionale o provinciale, qualcosa di buono salta fuori.
L'importante è iniziare a discuterne serenamente, soprattutto sotto l'aspetto economico che non è da sottovalutare a cui tutti gli iscritti potranno contribuire con una somma che potrebbe essere la quota d'iscrizione in modo da anticipare delle somme al club o gruppo che si prende in carico l'organizzazione del raduno. 
 (felice)

Perfettamente d'accordo su tutto, un pò  meno sul supporto economico di Citroen, non c'è da farci affidamento, conterei più sulla quota d'iscrizione, e su qualche sponsor locale, piuttosto che su mamma Citroen, importante come dicevi, è di iniziare a parlarne serenamente, e se si vuol partire dal 2018 ( quale miglior occasione dei 70 anni della 2cv ), anche presto perché di tempo ce ne vuole tanto per organizzare una cosa del genere
giorgio

Offline 2cvami

  • Colonna
  • ****
  • Post: 3486
  • The show must go on
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #58 il: 09 Ottobre 2017, 10:19:15 am »
Ben venga il Nazionale Italiano tutti gli anni, ma secondo me sarebbe più semplice organizzarlo a cadenza biennale, precisamente negli anni in cui non c' è il Raduno Mondiale. In questo modo si avrebbe il vantaggio di non avere sovrapposizione, nel senso che se un 2cavallista abita lontano dal luogo nel quale si svolgerà il Nazionale non sia costretto a scegliere tra quest' ultimo e il Mondiale. Inoltre chi organizza avrebbe più tempo a disposizione.

 (felice)
Prima con i "modellini", poi con quelle vere: da sempre in 2cv.
Iscriviti al Registro Italiano 2cv:  http://registroitaliano2cv.it
https://www.facebook.com/groups/CSUCitroenistispezzini/276855059173916/?notif_t=like

Offline claudyane6

  • Colonna
  • ****
  • Post: 7830
Re:Raduno nazionale italiano.
« Risposta #59 il: 09 Ottobre 2017, 18:45:24 pm »
 (su)