News:


Forum 2CV CLUB ITALIA
Benvenuti!!!!


era il 1981 ed era la Vespa...

Aperto da bubbo, 12 Settembre 2006, 21:53:27 PM

« precedente - successivo »

bubbo

Andro' un pochino fuori tema. Ma credo che lo spirito di questo viaggio sara' apprezzato dagli amici duecavallisti e spero nel loro perdono...

UN VIAGGIO MEMORABILE

IL VIAGGIO
Era l'estate del 1981 e Io, Paolo e Santo, appena conseguito l'aspirato Diploma di Stato decidiamo che, considerata l'eccezionalita' dell'evento, lo stesso andava celebrato nel migliore dei modi. Il migliore dei modi fu unanimamente  deciso in un viaggio memorabile, un FANDANGO ante litteram:  da Roma in Calabria  in Vespa 50!

Il primo problema fu che le Vespe 50 erano due e noi eravamo in tre, in verita' Santo possedeva  un bel PEUGEOT 103 SP di appena un anno ma fu lasciato a casa in quanto ritenuto meno affidabile delle Vespe e con scarsa capacita' di carico.

In pochi giorni preparammo il viaggio: smontammo i parabrezza sostituendoli con occhiali da sole  al fine di guadagnare qualche Km di velocita' e risparmiare qualche litro di miscela ed acquistammo immediatamente dei sacchi a pelo, coppia di portapacchi anteriore a posteriore per le Vespe, staffa per ruota di scorta, pneumatico coreano dal nome impronunciabile per la ruota posteriore della mia Vespa e due candele nuove. A spese fatte, costatammo, che purtroppo eravamo fuori dal nostro povero budget da studenti. Non ci fermammo, saccheggiammo le dispense delle rispettive famiglie al fine di reperire scatolame vario e fissammo la partenza; il 7 agosto 1981 ore 7.00.

 

Si ritiene opportuno descrivere "equipaggio e l'equipaggiamento"



EQUIPAGGIO: 
-        tenda canadese per due persone (anche per tre avendo l'accortezza di respirare alternativamente)

-        tre sacchi a pelo

-        pochi indumenti di ricambio tra cui, 3 giubbotti in jeans, 3 maglioni, costumi da bagno, due maschere sub, un solo telo mare, pantaloni corti e lunghi, un solo paio di scarpe.

-        Una ruota di scorta (per due Vespe)

-        Fili di trasmissione per cambio, frizione e gas ed attrezzi vari 

-        Macchina fotografica PRACTIKA con 50 mm, grandangolo PENTACON,  autoscatto a molla, cavalletto e borsa per contenere il tutto (tanto c'era spazio...)

-        Scatolame vario, un pacco di spaghetti, sale e lattina d'olio di semi da 1LT (l'extravergine era costosissimo)

-        Fornello da campeggio con due bombolette, una padella, un pentolino, una tanica per l'acqua da 10 litri

-         Kit  medico composto da acqua ossigenata, garze e cerotti per i prevedibilissimi incidenti.



SITUAZIONE ECONOMICA: 
   
Paolo       : lire 115.000

Io        : lire 100.000

Santo      : lire   85.000



IL VIAGGIO:
       La miscela costava circa 900 lire al litro, con l'ausilio di un'autarchica rivalutazione economica stimo il patrimonio  complessivo in attuali 360,00 euro ovvero circa 120 euro a testa. Non molto vero?

 

Sistemato quanto sopra, indirizzammo a Sud la "banana" e partimmo (N.d.R. nome in gergo GLOSSARIO: banana = parafango anteriore,  chiappa = cofano posteriore, scudo = paragambe, sportellino= coperchio motore)

Dopo nemmeno 50 Km, sulla ss148 Via Pontina,  il primo problema: la ruota anteriore della mia Vespa causa usura di una boccola della forcella comincio' a toccare la forcella stessa impedendomi di proseguire.

Facemmo un breve consulto: la riparazione sul campo era impossibile ma, come l'uovo di Colombo, arrivo' la soluzione: svitiamo la ruota e la riavvitiamo al rovescio! Funziona! Si riparte anche se la Vespa tira un pochino e sembra di essere impegnati in una perenne curva.

Pranzo nella Grotta delle Capre al Monte Circeo dove consumammo l'unico pacco di spaghetti, condito con una scatola di tonno e la prima bomboletta di gas, nel pomeriggio arrivammo nella splendida' città bianca di Sperlonga dove ci accampammo barbaramente fuori da un campeggio gia' sperimentato in precedenza.

 

Il giorno successivo inizio' con una furiosa litigata fra Paolo e Santo il quale, costatata l'eccessiva temperatura raggiunta dell'acqua da bere si era reso colpevole di lavarcisi i piedi.

Tornata al calma si parti' alla scoperta dell'ignoto, abbandonando alle spalle gli unici posti  all'epoca da noi conosciuti.

Superammo in breve il confine con la Campania e tutto andava tranquillamente fino a quando sul lungomare di Salerno ebbi la strana sensazione che la ruota anteriore non ci fosse piu' e la Vespa in piena velocita' si adagio' sul fianco sinistro assieme a me tenacemente ancorato al manubrio. Era arrivata la caduta gia' precedentemente data per scontata! Ricordo di aver riportato un bel taglietto sul sopracciglio che cesso' presto di sanguinare grazie al Kit d'emergenza del mio amico Paolo che aveva provveduto a fasciarmi completamente la testa, che sembravo un eroe Risorgimentale alla difesa della Repubblica Romana. Ma, nel frattempo altri due motociclisti erano caduti nello stesso punto, costatammo infatti che qualcuno aveva perso del liquido lubrificante per circa 30 metri! Trasformammo quell'angolo di Salerno in un improvvisato ambulatorio nel quale Paolo esauri' quasi completamente i medicamenti adoperandosi nel curare le ferite altrui. La Vespa colma di bagagli com'era non riporto neppure un graffio.

Nel pomeriggio prima di raggiungere la mitica costiera Amalfitana, decidemmo di entrare in un alimentari per acquistare qualcosa, e qui Santo fece la sua prima conquista, la ragazza dell'Alimentari! La quale ci offri' il Suo giardino di casa per campeggiare! Ed era pure carina! (la ragazza, non la casa che purtroppo non vedemmo mai..) E, si, bisogna dire che il Santo piaceva molto, con i suoi capelli e la barba da Bronzo di Riace somigliava a Tomas Milian e quando ballava ci si  fermava a guardarlo

La notte si pernotto' all'aperto in un ansa asfaltata provvidenzialmente  incontrata lungo la  Costiera Amalfitana. Quanto invidiai il coraggio di Paolo che riusci' ad addomentarsi tranquillamente mentre un gatto ci camminava sui sacchi a pelo e Santo ipotizzava possibili aggressioni da parte di insetti e serpenti che avrebbero potuto gettarsi su di noi dalla sovrastante scogliera...

Il giorno successivo mentre viaggiavamo tranquillamente ammirando la Scogliera, la Vespa di Paolo che mi procedeva si blocco' improvvisamente e solo per un soffio non lo tamponai.

Era successa la tragedia; Santo che in quel momento era il passeggero della Vespa di Paolo, aveva distrattamente poggiato il suo maglione sulle gambe e la manica dello stesso si era infilata nella ventola di raffreddamento, bloccando il motore e spingendo all'interno del volano il gommino parapolvere che aveva provveduto a distruggere bobina e puntine!

Atteso il tempo necessario, richiesto a gran voce da Paolo per ottenere cortesemente spiegazioni sull'accaduto da parte di Santo, con particolare riferimento in merito all'opportunita' di indossare un maglione il 10 agosto, ci trascinammo sfruttando, le provvidenziali discese, nel primo centro abitato dove il factotum di un albergo si offri' di riparare la Vespa per poche lire, ma avremmo dovuto aspettare il giorno successivo perch├ę la locale assistenza PIAGGIO era chiusa.

            La sera dormimmo all'aperto nel Porto di Atrani non prima di aver pero' sfacciatamente conosciuto sulla scalinata della Cattedrale di Amalfi la ragazza piu' bella che avessi mai visto, per fortuna, Santo che si era accomodato qualche scalino piu' in basso, si accorse di noi e conscio del suo fascino e con l'intento di darmi manforte, fece in modo che ci salutammo da buoni amici evitandomi chissa' quali incerti sviluppi futuri. Nel frattempo Paolo ci aspettava al porto di Atrani in quanto momentaneamente appiedato ed intento a scrivere una lettera alla sua ragazza (che diventera' sua moglie) nella quale descriveva quanto gli mancasse la sua meta' (la vespa).

            L'indomani ci spingemmo piu' a Sud e ci ristorammo con un lungo bagno nelle acque di Marina di Camerota e dormendo nel porto di Palinuro. Dormimmo profondamente adagiando la testa sui portapacchi anteriori ingombri di bagagli prudenzialmente smontati dalle vespe, fino a quando fummo improvvisamente svegliati dal fischio fortissimo di un aliscafo che attraccava a poche decine di metri. Pur essendo le sette di mattina spendeva un bel sole ed eravamo circondati da molte persone e mi stupii di aver dormito lo stesso cosi' profondamente.

 

Stanchi di questa vita nomade e constatata la bellezza dei luoghi decidemmo di montare la tenda in un campeggio organizzato di Palinuro dove incontrammo altri ragazzi di Roma venuti anch'essi in moto ma con comode e velocissime GILERA ARCORE 125!

La possibilit├á  di alleggerire le Vespe, lasciando il superfluo nelle tende, ci consenti' di conseguire lo scopo ultimo del viaggio, raggiungere la Calabria!

Partimmo di mattina presto e dopo aver superato lunghe salite e sfruttato a motore spento altrettanto lunghe discese, superata  Sapri, arrivammo a Praia a Mare!  Era la Calabria!

Ma dopo quelle salite la Vespa di Paolo non era piu' la stessa, era lentissima. Imputammo il guasto alla marmitta, che fu opportunamente svuotata da un artigiano, ma niente il problema era del motore oramai sfiancato. I soldi stavano finendo, ed il sedicente cuoco di bordo Paolo,  tento' di nutrirci acquistando un sacchetto di patate, ma il gas necessario per cucinarle rendeva antieconomico il tutto, e pertanto, andammo avanti un paio di giorni con "panzanelle" di   pane, pomodoro, sale e olio (sempre quello di semi) tutte amorevolmente confezionate da Paolo con le sue mani sempre sporche di olio (motore  pero'). Ricordo l'apertura dell'ultima scatoletta di piselli, residuo della scorta fatta a Roma, consumata cerimoniosamente direttamente dalla scatola alternandoci in  misurate forchettate.

Tornammo a Roma 15/08/81 con solo due giorni di viaggio alla velocita' massima di 45 KM orari consentiti dalla  Vespa di Paolo e dopo aver percorso 1350 Km.

Felici e fieri della nostra abbronzatura e del fisico asciutto, nessuno di noi tre si accorse di quanto puzzavamo. Tale circostanza ci fu carinamente risparmiata nell'immediato ma in compenso ciclicamente richiamata da amici e parenti nel corso degli anni successivi.

Successivamente viaggiai molto, anche in altri Continenti, conoscendo Paesi e popolazioni affascinanti. Ma questo sinora e' stato il piu' bel viaggio della mia vita, e non mi dispiacera' affatto se lo rimanesse per sempre.



Aspes

Bella Bubbo .....  e secondo me non sei per niente fuori tema. 2CV, Vespa, od altro, quel che conta sono le storie, la beata gioventu' ed il ricordo di cose irripetibili.

Ve li ricordate ancora il profumi di quel viaggio ?

Nemmeno una foto da allegare ? E che fine hanno fatto le Vespe ?

Lavoro in una Compagnia Aerea, ed ho girato in lungo ed in largo, ma niente batte il viaggio fatto in Dyane, nel '76, da Novara ed Edimburgo ....

Penso che quello che hai fatto, anche per te rimarra' il viaggio piu' bello, on the road.







[allegato eliminato dall\'amministratore]
Siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nelle testa,
e il cuore di simboli pieno.

bubbo

Caro Aspes, sono contento del tuo intervento, ho letto tutti i tuoi post ed a quasi tutti avrei voluto rispondere con un "io pure!" . Ma tu hai risposto al mio e di questo ti ringrazio. Ho fatto notare a mia moglie la  foto  di quel ragazzo con una Dyane sullo sfondo. Potrei essere io 25 anni fa.
Viva i viaggi alla Kerouak. Ne ho fatto uno con mio figlio e la mia vecchia Giulia la scorsa settimana. E' gia' pronto il racconto, ma su questo sito sarebbe veramente fuori tema. 
Le vespe furono vendute un paio di anni dopo, le foto ci sono, comunque invito te e gli altri amici del forum a visitare il mio sito. E' un pochino che non l'aggiorno ma c'e' anche la foto della mia povera 2cv... 
Ciao. Bubbo

http://it.geocities.com/bubbo62/

toffolina2cv

bravo bubbo!!!!!!!!!!  (compl) (bravo)
che bello............  (appl)
amo la spensieratezza, l'avventura, la soddisfazione di portare a termine quelle imprese con il carattere che contraddistingue molto i giovani degli anni 60 - 70 -80 a quelli di oggi.....  (vecchio)
tempo fa ci si lasciava emozionare dalla minima cosa.....  (ballo)
ora sembra che niente sia in grado di far esplodere nei giovani d'oggi un'ebbrezza di pura avventura....  (bevuta)
ahim├Ę vorrei tanto aver vissuto in quegli anni.....  (birra)
mi sento un p├▓ fuori luogo nei giorni nostri....  (hei)
ho voglia di avventura.... on the road!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!  (guid)
beati voi.....
a presto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
toff....
-Toffolina2cv-
It'll never end for us....
 I'm gonna go far I have to be faster maybe I'll get there before the pain.. - What shall I do just to feel a little over zero, a little over

Pacifico

#4
 (appl)  (appl)  (appl)

Gran bel racconto ..... davvero!!   (bravo)

Se non ti fossi descritto come omone grande e grosso mi faresti tenerezza per l'avviso che saresti stato OT invece temo che sia una sottile presa per i fondelli ..... non pu├▓ essere OT questo racconto e pi├╣ in generale la categoria dei viaggi "avventurosi".
Per me la 2cv (e derivate senn├▓ i dyanisti se la prendono) ├Ę l'icona di quei mezzi che possono sembrare inadeguati ma che invece danno tanto gusto a queste avventure.
Ancora complimenti.

(abbraccio)


PS e un 5 a me che mi ero lasciato sfuggire questo racconto. Grazie Toffolina
Non camminare dietro a me, potrei non condurti.
Non camminarmi davanti, potrei non seguirti.
Cammina soltanto accanto a me e sii mio amico. Albert Camus

Watson

Bellissimo, non mi ero accorto di questo post, 12 settembre... l'ho letto ora e lo trovo bellissimo, come il racconto della giulia , io non ho mai avuto questa fortuna di fare dei viaggi da adolescente con la moto, mi sono rifatto con l'auto, ma mi manca moltissimo e mi rammarico di non aver condiviso con i miei amici avventure del genere  (piango)

Bravo, sai scrivere bene, quasi quanto Aspes  (angel)
W la vita

"non postare" ├Ę un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

toffolina2cv

PREGO PACIFICO........... IO VADO A ROVISTARE UN PO' OVUNQUE!!!!!!!!!!!!!!!! PRIMA O POI LE COSE SALTANO FUORI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
IH IH IH  (superok)
per quanto rigurda WATSON: VOGLIAMO I RACCONTI!!! VOGLIAMO I RACCONTI!!!!!!!!
e sempre x la citazione di Watson riguardo ad aspes: VOGLIAMO LA GIALLINA!!!!!!!! VOGLIAMO LA GIALLINA!!!!!!!!!!!!!!  (bevuta)  (su)  (felice1)
(muoio)
ancora complimenti al gruppetto di vespe ehm vespisti....  (muoio)
(bevuta)  (birra)  (abbraccio)  (appl)
(bravo)  (compl)  (felice)
-Toffolina2cv-
It'll never end for us....
 I'm gonna go far I have to be faster maybe I'll get there before the pain.. - What shall I do just to feel a little over zero, a little over

bubbo

grazie Toffolina, Watson e Pacifico.  Aspes sa scrivere molto meglio di me e questo racconto fra l'altro e' stata la mia prima esperienza di narratore. L'ho riletto tutto e l'avrei cambiato in molte parti.
Toffolina che aspetti a partire? Viaggiare e' una delle cose piu' belle del mondo. Nel 1981 forse le cose erano un po piu' "romantiche" non esistevano cellulari e quando uscivi da casa eri irrintracciabile per chiunque, la vespa non aveva targa ne assicurazione, niente casco, solo occhiali da sole (andavano di moda i Persol tartarugati- mi piacciono ancora-)   e chioma al vento, al sud le donne anziane vestivano ancora di nero (qualcuna pure a Roma) ed in Vespa potevi anche andare sulla sabbia senza che i vigili ti sparassero. Ma c'era pure il terrorismo, e le scuole erano piene di figli di madre ignota, quando era carnevale iniziava la guerra di uova marce e la signora in pelliccia valeva 100 punti, considera che quando sento parlare di episodi di bullismo nelle scuole di oggi non mi viene da ridere; mi inc...zo proprio! Comunque con una tenda e con i 18 km con un litro che ci permette una 2cv in autostrada (ma la statale e' meglio) non spenderai molto. Prenditi una settimana del tuo tempo, anzi per un viaggio indimenticabile possono bastare anche due giorni. Sceglio un amico o una amica con la tua stessa passione e parti: e memorizza le tue sensazioni che ti serviranno per il racconto che ci vorrai far leggere!
Watson, mi sembra di ricordare che con la moto almeno un viaggio allo Chamberton te lo sei fatto! mica e' poco!

bubbo

Caro Pacifico,
Penso che effettivamente le nostre lumache - come la Vespa, ci restituiscano la voglia di viaggiare. Gli odori del viaggio penetrano nell'abitacolo, la pioggia tamburella sulla capote (a volte anche sulla testa) le buche si sentono sullo sterzo. La strada la senti e la vivi e la "velocita'" ti consente di apprezzare i paesaggi. Purtroppo le nostre auto non sono piu' adatte all'autostrada, adesso anche i TIR fanno 120 Kmh per non parlare dei furgoni che spesso sfrecciano ad oltre 150 kmh! Comunque, per chi non ha fretta, le statali sono sicuramente piu' belle da percorrere.
Ciao

Watson

Carissimo vespista, si sono salito sullo Chaberton 3130 mt. in moto, ho fatto il Sommeiller 3003 mt., le gobbe dell'Assietta (tutti oltre i 2000 mt)... ma un viaggio, un vero viaggio come il tuo non l'ho mai fatto  (piango), i miei sono stati dei raids veloci un giorno e rientro, attorno a Torino ci sono molte strade ex militari invitano a percorrerle con la moto, siamo pieni di motociclisti tedeschi.... ma viaggiare verso un  meta lontana, dormire sulla spiaggia, svegliarsi attorniato da gitanti non l'ho....  (stupid) fermi tutti forse un ricordino del genere c'├Ę l'ho  (angel)

Ricordo un viaggio in treno verso il sud, ricordo una fermata a Roma citt├á fantastica, un giro per le strade affollate di turisti, piazza Navona, Trinit├á dei Monti, ricordo l'albergo squallido a lato della stazione Termini, ricordo che non avevo paura di camminare nei pressi della stazione, ricordo il fast food dove andavamo a mangiare in corso Vittorio Emanuele II (un piemontese  (muoio), la strada non il locale  (muoio)), ricordo il viaggio verso il sud e la fermata che facemmo a Diamante in calabria, il treno ci passava il mattino presto cos├Č decidemmo di scendere io e la ragazza, stava albeggiando e noi scendemmo verso il paese, sulla strada c'era un bar che aveva appena aperto e visto che avevamo una fame boia, ci fermammo aspettando che le brioches fossero pronte, una bella tazza di cappuccino e una bella brioches.....CALDISSIMA... cavolo ricordo che ho scoperto allora che non bisogna mangiare le brioches appena sfornate  (muro)

continuammo a scendere e arrivati in spiaggia non trovammo nessuno (troppo presto (vecchio)) ricordo che ci sdraiammo sulla battigia, forse un p├▓ pi├╣ sopra, e ci addormentammo, il rumuore delle onde, l'aria frizzantina del mattino, il grido dei gabbiani.... quando ci svegliammo c'era molta pi├╣ gente, ma anch'io in quel periodo non avevo paura, la gente non mi spaventava eravamo nei primi anni '80, e come dice Bubbo..
Citazione da: bubbo - 31 Gennaio 2007, 22:46:04 PM
Nel 1981 forse le cose erano un po piu' "romantiche" non esistevano cellulari e quando uscivi da casa eri irrintracciabile per chiunque,
ricordo il bagno, il sole e la ripresa del viaggio e ricordo benissimo la meta... la stupenda perla del mediterraneo..la sicilia.

Anch'io una piccola avventura l'ho avuta, ma piccola e con molti meno problemi di quella di Bubbo.. sei bravo te lo riscrivo.

(felice)
W la vita

"non postare" ├Ę un pregio se ci si accorge di non avere nulla da dire, ma non tutti se ne accorgono. [Magomerlino]  La vita dura poco, se non giochiamo ora...  Watson nel cuore Gaia felicemente... tra i piedi

Aspes

Si Toffolina, parti, parti, parti .... fallo se puoi ....

E se vuoi leggere qualcosa un po' on the road con la Giallina, leggiti Pimlico, sempre qui in Amarcord .....





[allegato eliminato dall\'amministratore]
Siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nelle testa,
e il cuore di simboli pieno.